Giovanni Malagò, ex compagno Lucrezia Lante della Rovere/ “Lei per me è come una sorella”

- Fabiola Iuliano

Giovanni Malagò, attuale presidente Coni, è l’ex compagno di Lucrezia Lante della Rovere. Dalla loro unione sono nate due figlie, le gemelle Vittoria e Ludovica

Malagò e Renzi
Giovanni Malagò e Matteo Renzi (LaPresse)

Giovanni Malagò, attuale presidente del Coni, è l’ex compagno di Lucrezia Lante della Rovere. Rampollo di una nota famiglia romana, negli anni gli sono stati attribuiti diversi flirt con alcune delle donne più celebri del mondo dello spettacolo; ma tra i suoi amori certi vi sono Polissena di Bagno, erede dei Malatesta, dalla quale si è separato nel 1987, e Lucrezia Lante della Rovere, dalla quale ha avuto due figlie, le gemelle Vittoria e Ludovica. Oggi, però, rivolgendo il suo sguardo al passato, restringe la rosa delle sue donne, tra le quali annovera le sue due figlie, sua madre e sua sorella. “Per il resto sono atipico – ha spiegato Giovanni Malagò in un’intervista concessa a San Marino Tv – Mi sono sposato giovanissimo. La mia ex moglie è come una sorella, Lucrezia, madre delle mie figlie è come un’altra figlia, ho attualmente una compagna ma vivo da solo da 30 anni e le due gemelle quando ci sono…Dormo da solo? No, insieme ai miei cani”.

Giovanni Malagò: “Mi commuovo quando penso a Marina Ripa di Meana”

Quando conobbe Lucrezia Lante della Rovere, Giovanni Malagò aveva già contratto matrimonio con la sua prima moglie. Marina Ripa di Meana però non si lasciò fermare dalla burocrazia e lo invitò a casa sua assieme a sua figlia, con la speranza di strappare loro un piccolo giuramento: “Lei volle una promessa e diede un appuntamento a casa a me e a Giovanni – ha ricordato Lucrezia Lante della Rovere in una intervista concessa a Verissimo – Allora mi fece un tranello e chiamò come testimone il presidente del Consiglio di allora Bettino Craxi”. Oggi, Giovanni Malagò conserva un ricordo bellissimo di Marina Ripa di Meana, che nei mesi seguenti sarebbe diventata la nonna delle sue due figlie: “Mi commuovo quando penso a Marina – ha ricordato Malagò a San Marino Tv – Al nostro ultimo Natale passato insieme. All’inizio diffidava di me, era prevenuta, pensava fossi un borghese pariolino, poi ci siamo conosciuti e da allora solo stima e affetto”.

Giovanni Malagò: “Mi sono sempre sentito un po’ cubano”

Da sempre appassionato di sport, Giovanni Malagò ha devoluto lo stipendio percepito per la sua attività di Presidente del Coni ad alcune attività sportive che operano nel sociale, come la celebre palestra di Gianni Maddaloni, a Scampia. 60 anni, nonostante sia vissuto per tutta la vita in Italia, ha origini cubane: sua madre Livia Campilli è nata nei Caraibi. “Ha passato gli 80 anni e sembra una bambina”, ha spiegato Malagò nell’intervista concessa a San Marino Tv – Sono andato a Cuba per la prima volta alle nozze d’oro dei miei, dieci anni fa, dieci giorni, la festa nella stessa chiesa con gli stessi invitati ancora in vita del loro matrimonio. Mi sono sempre sentito un po’ cubano”. Oggi conferma di avere diverse affinità con la terra di sua madre, “incluso l’amore per lo sport. La sera dopo cena per staccare e accompagnarmi al sonno fumo un sigaro cubano senza aspirarlo, accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso rigorosamente italiano”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA