GIOVANNI ‘TATA’ GIACOBETTI, MARITO VALERIA FABRIZI/ Lei svela: “Perdemmo un figlio…”

- Morgan K. Barraco

Giovanni “Tata” Giacobetti è stato il marito di Valeria Fabrizi, con cui ha avuto due figli. Il loro secondogenito, però, è vissuto solo tre mesi.

Festival di Sanremo 2019
Il Quartetto Cetra

Valeria Fabrizi è stata la moglie di Giovanni “Tata” Giacobetti, uno dei componenti del Quartetto Cetra, storico gruppo vocale della tv attivo a partire dagli anni quaranta. Nell’intervista di oggi a Domenica in, l’attrice ha accennato al loro rapporto e alla loro vita insieme. Una vita costellata di dolori, quella di Valeria, ultimo dei quali la morte del marito: “Ho sempre sorriso, anche quando ho avuto i miei problemi”. Mara Venier incalza: “In quel filmato del 1970 insieme a tuo marito Tata, mi sei sembrata forse un po’ acerba. Pensavi già di fare televisione?”. La Fabrizi non risponde direttamente alla domanda, ma inizia a raccontare: “Ho perso un figlio dopo Giorgia. Ho rinunciato per 16 anni a lavorare. Dopo la morte di mio marito, Giorgia mi ha spronata a tornare e così ho fatto. Nella mia vita, i dolori sono stati tanti, poi però sono sempre rinata”. Il dramma più grande è stato la morte del suo secondogenito. “Aveva tre mesi, era un bimbo, somigliava anche a me. Perdere un genitore è un grande dolore, perdere un figlio lo è molto, molto di più”. (agg. di Rossella Pastore)

CHI È TATA GIACOBETTI MARITO DI VALERIA FABRIZI

Il fascino di Tata Giacobetti, lo pseudonimo del cantante Giovanni Giacobetti, colpirà subito la bella e talentuosa Valeria Fabrizi. Ai suoi occhi l’artista era il più bello del gruppo che frequentava in quel momento e sembra che anche Tata sia rimasto subito folgorato. Anche se la sua tecnica di corteggiamento non è stata per nulla tradizionale. “Si faceva trovare con una donna diversa ogni sera, per farmi ingelosire. C’è riuscito”, racconta a Storie Italiane, “Dovevamo festeggiare i 25 anni di matrimonio, ma non ci siamo riusciti. Lui è morto il 2 dicembre [1988, ndr], l’anniversario sarebbe stato il 2 aprile”. Il primo incontro avverrà invece in tv, grazie a Studio Uno e la famosa biblioteca che comprendeva proprio la presenza del Quartetto Cetra. “Un uomo solido, affidabile. Mi dava sicurezza. Di lui mi innamorai con la testa”, sottolinea a Lucio Giordano di Alga News Beta. La Fabrizi non nasconde che in quel periodo riceveva molte attenzioni da parte di tanti corteggiatori e di aver respinto il cantante nella fase iniziale. Lui le faceva invece una corte serrata, ma la Suor Costanza di Che Dio Ci Aiuti voleva sentirsi libera e non lo trovava nemmeno simpatico. “Mi colpì soprattutto con un suo comportamento”, continua, “Eravamo in tournèe al nord Italia e in una cittadina , non ricordo quale , tutti gli alberghi erano pieni. Alla fine ne trovammo uno, ma era libera una sola camera a due letti. Non avevamo scelta e ci mettemmo a dormire insieme. Ero preoccupata per ciò che sarebbe potuto accadere. e invece il mio futuro marito non mi sfiorò nemmeno con un dito. Apprezzai molto quel gesto”. Alcuni mesi più tardi, Giacobetti decide di dichiararsi e l’attrice, appena 25enne, sceglie di dirgli di sì.

TATA GIACOBETTI E IL DUALISMO CON WALTER CHIARI PER VALERIA FABRIZI

Tata Giacobetti è riuscito a ‘rubare’ Valeria Fabrizi a Walter Chiari, battendolo sul tempo e conquistando l’attrice fino a convincerla a sposarlo. Chiari però non abbandonerà l’idea di farle cambiare idea anche il giorno prima del matrimonio. “Mi fece un regalo, lo incartò distrattamente in una carta di giornale e, dandomelo, esclamò con occhi tristi: ‘Valeria, ma sei sicura di questo passo? Non ti ci vedo con la fede al dito. Anche se conosco da anni Tata e lo stimo come uomo e come artista’. Parole inutili. Ormai avevo deciso”, racconta l’attrice. Valeria Fabrizi sarà inoltre ospite di Domenica In per la puntata di oggi, 13 ottobre 2019, e potrebbe ripercorrere i ricordi che la legano ai grandi amori della sua vita. Lei che non ha mai rincorso il successo, si sarebbe accontentata persino di essere solo moglie e madre, grazie alla nascita di Giorgia, la prima figlia avuta con Giacobetti. La coppia avrà anche Alberto, il secondogenito, ma il bambino morirà a pochi mesi e la Fabrizi sprofonderà in un dolore senza fine. A cui seguirà anche la perdita del marito, morto a causa di un ictus cerebrale nell’88. “Ho voluto comunque vestirmi di bianco. Non convivevo, ma convivevo in altri sensi. Non ero vergine”, ammette l’attrice a Vieni da me lo scorso febbraio, parlando del giorno delle sue nozze. Clicca qui per guardare il video di Valeria Fabrizi







© RIPRODUZIONE RISERVATA