GIULIA LAZZARI, 23ENNE STRANGOLATA E UCCISA DAL MARITO/ Su Facebook “L’hai voluto tu”

- Davide Giancristofaro Alberti

Giulia Lazzari, morta la 23enne strangolata dal marito: lo sfogo dell’uomo su Facebook prima del delitto “lo hai voluto tu”

lazzari 2019 fb
Giulia Lazzari e l'ex marito (Facebook)

La sola colpa di Giulia Lazzari, giovane 23enne morta dopo giorni di agonia, strangolata dal marito Roberto Lo Coco, sarebbe stata quella di volersi separare dall’uomo. Lo scorso 6 ottobre, è stato lo stesso 28enne a spiegare precisamente cosa stesse accadendo tramite un post social comparso su Facebook: “Non è giusto. Io sono quello che sono, lo sapevi, ma tu hai sbagliato e mi hai fatto malissimo. Tutto quello che sta succedendo in questi giorni, per carità, ho sbagliato anche io a fare cose che non ti piacevano, ma ce l’hai anche tu la colpa e che in questi mesi hai trattato come spazzatura, non succedeva niente di tutto questo se tu avessi parlato con me e non un estraneo”. Quindi il giovane si diceva incredulo della scomparsa dell’amore che fino a pochi mesi prima Giulia diceva di provare per lui: “Non voglio vantarmi, ma tutto e dico tutto l’amore che io ti ho dato in questi sette anni, non ne troverai mai uno che ti amerà e che ti darà tutto l’amore che io ti ho dato in questi sette anni. A parte gli errori che ho fatto, ti ho amata veramente tantissimo. Ok, l’hai voluto tu questo, io non ho mai voluto separarmi”, chiosava. Ed intanto, probabilmente, meditava il modo per ucciderla. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

DIECI GIORNI DI AGONIA

E’ morta dopo nove giorni di agonia Giulia Lazzari la ragazza che era stata strangola da sua marito lo scorso 8 ottobre. La giovane 23enne di Adria, in provincia di Rovigo (Veneto), madre di una bimba di quattro anni, si trovava presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia, in coma dopo la violenza subita dall’ex compagno, Roberto Lo Coco di anni 28, ma nelle scorse ha esalato l’ultimo respiro a causa del trauma subito. Il coniuge è stato subito fermato e al momento si trova in carcere, in custodia cautelare: la sua posizione si è ovviamente aggravata dopo il decesso della moglie. I due si stavano separando dopo sette anni, e il ragazzo non accettava l’allontanamento ed ha così deciso di ammazzarla.

GIULIA LAZZARI, MORTA 23ENNE STRANGOLATA DAL MARITO

Oggi sono comparse in rete alcune chat che i due si scambiavano, messaggi che riletti oggi appaiono decisamente inquietanti. In un messaggio, infatti, Roberto invitava la moglie a non farsi bella, in vista di un’uscita il giorno dopo con la mamma: «Non truccarti, fatti brutta, non aggiustarti i capelli, non salutare nessun maschio – scriveva Roberto Lo Coco in chat – Se quando esci dal supermercato qualcuno dice arrivederci tu fai finta di non sentite perché non puoi rispondere a un maschio. Vestiti con una felpa larga e un pantalone largo, così non si vedranno le forme del tuo corpo. Perché se ti fai bella ti guardano tutti. Invece così no e io mi risparmio 30 anni di galera fatti per omicidio». L’omicida aggiungeva delle emoticon sorridenti, quasi come se stesse scherzando, ma poco dopo ha realmente messo in pratica quanto aveva scritto. Alla base della rottura fra i due vi era proprio la gelosia del ragazzo, troppo ossessionante: ma Giulia non è mai riuscita realmente a liberarsi del suo ex marito. Lei lavorava come cameriera in un ristorante, mentre lui era disoccupato e tossicodipendente dall’eroina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA