Giuliana De Sio: “Andai dall’analista a 19 anni”/ “Mia sorella Teresa è pazza…”

- Alessandro Nidi

Giuliana De Sio è intervenuta in qualità di ospite ai microfoni di “Verissimo”: “Sono in analisi da quando avevo diciannove anni”

Giuliana De Sio 640x300
Giuliana De Sio (Verissimo, 2022)

Giuliana De Sio è intervenuta in qualità di ospite ai microfoni di “Verissimo”, trasmissione di Canale 5 condotta da Silvia Toffanin, nel pomeriggio di sabato 22 gennaio 2022. L’attrice ha subito sottolineato l’emozione di tornare a recitare dal vivo: “Che bello vedere e sentire il pubblico! È un bisogno che hanno tutti gli attori, senza fare niente ci si sente disutili. Quando sento gli spettatori ridere, io sono felice”. La donna ha ricordato che quando lei aveva dodici anni, i suoi genitori si separarono: “Nella mia famiglia non ci veniva data notizia di quello che avveniva. Le cose accadevano e basta. Ci trovammo io e mia madre Elvira da sole e ci trasferimmo a Salerno a casa di questo Aldo, un chirurgo che poi sposò mia mamma”.

Giuliana De Sio ha evidenziato di non avere mai visto sua madre ridere ed era sempre con lo sguardo malinconico: “Io ho ereditato quel viso, ho assorbito un po’ di quella attitudine. Io ho dovuto faticare molto per imparare a sorridere. Personalmente sono andata in analisi per la prima volta a 19 anni. Con i primi soldi guadagnati ho preso una persona che mi facesse i servizi a casa e un analista”.

GIULIANA DE SIO: “MIA SORELLA TERESA È PAZZA”

Nel prosieguo di “Verissimo”, Giuliana De Sio ha raccontato che quando è arrivato il successo non ha esitato a chiedere aiuto a un esperto, avviando un percorso interminabile di analisi.

Nella vita di Giuliana, peraltro, c’è anche la sorella Teresa: “Lei è pazza, diventa sempre più pazza. Ultimamente ha debordato verso una follia molto simpatica, ma non so quanto controllabile. Non siamo sempre andate d’accordo, io e lei, ma non avendo né io, né lei una famiglia acquisita, ci rendiamo conto di quanto sia prezioso questo legame tra di noi. Mantenere sano e in buona salute il rapporto con lei è per me proprio un lavoro. Lei è una cinefila, è capace di guardare 6 o 7 film al giorno”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA