GIULIO VIOLATI, MARITO MARIA GRAZIA CUCINOTTA/ Video, “Sono geloso!” (Italia sì!)

- Rossella Pastore

Si chiama Giulio Violati il marito di Maria Grazia Cucinotta, ospite a Italia sì! (oggi in replica) per parlare della loro storia d’amore.

Giulio Violati
Giulio Violati, marito di Maria Grazia Cucinotta

Giulio Violati è il marito di Maria Grazia Cucinotta, ospite a Italia sì! per parlare (anche) della loro relazione. Violati fa il produttore cinematografico, oltre a essere figlio dell’ex proprietario dell’industria Ferrarelle. Stando a quanto dichiarato nel corso dell’intervista, il loro rapporto va a gonfie vele: “L’amo più di prima. È sempre più bella. Una donna che non è stata mai invidiosa, anche se quello bello a casa sono io…”, scherza Giulio. Poi parla del loro primo incontro: “L’ho conosciuta quando faceva Indietro tutta!, perché sono molto amico della famiglia Santoro”. Fu proprio grazie a Massimo Santoro, genero di Rita Dalla Chiesa, che i due s’innamorarono. Entrambi invitati alla festa di Capodanno, s’incrociarono e fu colpo di fulmine: “Alla prima telefonata le dissi che volevo sposarla”. Detto fatto: sposati lo sono da 23 anni. “Un amore assoluto”, per Violati, coronato dall’arrivo della figlia Giulia che oggi ha 17 anni.

Chi è Giulio Violati, marito di Maria Grazia Cucinotta: il racconto a Italia sì!

Durante la sua ospitata a Italia sì! (qui l’intervista completa), Giulio Violati ha ricevuto a sorpresa la telefonata della moglie. “Il suo essere leggero mi rallegra la vita”, ha scherzato Maria Grazia. A vederlo, Giulio non sembra proprio una persona “leggera”: “Ho preso un chilo per ogni anno di matrimonio”, ha confermato in seguito. “Doppio mento e stasera non si cena…”. Oltre a essere “goloso“, Giulio è anche “geloso“: “Quando stai con un’attrice devi pagare questo prezzo…”. Un prezzo che paga volentieri, a giudicare da come sorride. Per usare una similitudine “azzeccata”, il loro rapporto è come una bilancia: da una parte lui, sornione e simpatico; dall’altra lei, elegante e delicata. Un equilibrio perfetto, in definitiva.



© RIPRODUZIONE RISERVATA