Giuseppe Conte come Patrick Swayze/ Video parodia Dirty Dancing con finale a sorpresa

- Silvana Palazzo

Giuseppe Conte come Patrick Swayze in Dirty Dancing: video della parodia con il premier protagonista. E c’è un finale a sorpresa: infatti spunta…

conte parodia dirty dancing
Giuseppe Conte e le parodie
Pubblicità

Giuseppe Conte si conferma idolo del web. In questa emergenza coronavirus il Presidente del Consiglio ha acquisito maggiore visibilità, ma è soprattutto diventato un punto di riferimento per gli italiani. I suoi moniti all’Europa, le sue conferenze stampa a orari improbabili e i suoi messaggi carichi di significato in questa fase così complessa hanno generato un vortice di interazioni sui social e soprattutto tantissimi meme. Qualcuno però è andato oltre grazie alla sua creatività. Sta circolando infatti una esilarante parodia che vede il premier Giuseppe Conte nei panni di Patrick Swayze. Ricordate il video della scena finale in cui Johnny Castle balla con Baby sulle note di (I’ve Had) The Time of My Life? Ebbene, grazie ad una abile manipolazione video, è Conte il protagonista maschile. Ma non c’è solo lui in questa parodia: si vede il governatore campano Vincenzo De Luca nei panni del proprietario del villaggio turistico, con Matteo Salvini e Giorgia Meloni nel ruolo dei genitori di Baby.

Pubblicità

GIUSEPPE CONTE COME PATRICK SWAYZE IN DIRTY DANCING

Un video a dir poco divertente, ma neppure l’unico sul tema. C’è ad esempio quello delle prove di Johnny Castle e Baby. In questo caso però compare nella parte finale solo Matteo Salvini, “intruso” di questa simpatica scena. Ma sui social impazzano ormai tanti contenuti ironici e divertenti che vedono protagonista inconsapevole il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il periodo è oggettivamente difficile, ma questi contenuti rappresentano un modo per sdrammatizzare, altrimenti la quarantena per tantissimi italiani sarebbe ancor più dura. Per alleviare l’ansia può tornare utile l’ironia che c’è in questi meme e video, gli spunti sicuramente non mancano a causa della sovraesposizione mediatica del premier dovuta all’emergenza. E dunque le scene cult di Dirty Dancing, il celebre film del 1987, diventano un ottimo espediente per alimentare il culto di Conte, che ha raggiunto vette inimagginabili: pensiamo ad esempio alle fan page sui social



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità