Green Pass europeo: regole da oggi/ Come funziona: scarica QR, durata, dosi vaccino

- Niccolò Magnani

Green Pass Covid europeo disponibile da oggi 1 luglio: le regole, le differenze in Italia e come funziona la certificazione. Scarica QR, durata, dosi vaccino

Green Pass Ue
Ursula Von der Leyen con il Green Pass Ue (LaPresse, 2021)

COME FUNZIONA IL GREEN PASS

Scatta da oggi in tutta Europa la validità del Green Pass Covid (Certificate Digitale Covid-19) per potersi spostare in libertà e senza patire quarantene o limitazioni nei viaggi all’estero in Ue e in alcuni determinati eventi che richiederanno la certificazione verde “Covid-free” agli utenti. Come ormai abbiamo imparato a conoscere, anche perché già milioni di italiani l’hanno scaricato/stampato da qualche settimane, il Green Pass nient’altro è che l’attestazione che una persona è stata vaccinata contro la Covid-19; ha ottenuto un risultato negativo al test; è guarita dalla patologia.

È possibile da oggi 1 luglio 2021 in tutta Europa (in Italia già da metà giugno) avere in formato digitale o cartaceo la certificazione verde: nel caso del nostro Paese, il link dove poter trovare tutte le informazioni e scaricare il QRCode del Green Pass è https://www.dgc.gov.it/web/. Entrambe le versioni disporranno di un codice QR contenente le informazioni essenziali e di una firma digitale per garantire l’autenticità del certificato: la piattaforma informatica nazionale dedicata al rilascio delle Certificazioni sarà progressivamente allineata con le nuove vaccinazioni (cittadini riceveranno notifiche via email o sms nei prossimi giorni). In alternativa alla versione digitale, il Green Pass potrà essere richiesto al proprio medico di base, pediatra o in farmacia utilizzando la propria tessera sanitaria. Il pass sarà scaricabile sia dal portale web dedicato, dal fascicolo sanitario elettronico personale, l’App Io, l’App Immuni, il sistema TS per il tramite di operatori sanitari autorizzati.

GREEN PASS UE: TUTTE LE ALTRE REGOLE IN “PILLOLE”

In “pillole” ecco qui di seguito le informazioni/domande principali legate al Green Pass Ue, chiarendo fin da subito la differenza fondamentale tra la regola italiana e quella europea sulle dosi di vaccino: in Italia il Green Pass è reso disponibile e scaricabile da tutti dopo 15 giorni dalla prima dose di vaccino effettuato, in altri Paesi Ue è invece previsto il Green Pass solo dopo 15 giorni dalla seconda dose di vaccino. In questi ultimi giorni però dopo la raccomandazione del viceministro della Salute Sileri, il Governo sta discutendo se eventualmente adeguarsi alla norma Ue tout court stante la situazione della Variante Delta in ascesa.

QUANTO DURA IL GREEN PASS?
Per i vaccinati sarà valido 15 giorni dopo l’immunizzazione per 9 mesi; Per chi si sottopone al tampone durerà 48 ore in caso di test antigenico, 72 ore in caso di molecolare; Per chi ha contratto il virus varrà 180 giorni dall’11esimo giorno successivo al primo test positivo.

IL GREEN PASS PUÒ ESSERE FALSIFICATO?
No, la Commissione europea ha creato un gateway per garantire che tutte le firme dei certificati possano essere verificate in tutta l’Ue. Il certificato Covid digitale dell’Ue contiene un codice QR con una firma digitale per impedirne la falsificazione. Al momento del controllo del certificato, si procede alla scansione del codice QR e alla verifica della firma.

COSA SUCCEDE CON I CITTADINI NON VACCINATI
La libera circolazione è sempre garantita, è diritto costituzionale nazionale e comunitario. È infatti possibile effettuare un tampone (il cui risultato andrà automaticamente sul proprio Green Pass personale), o dimostra di essere guariti dal Covid. Possibile problematica: i risultati negativi dei tamponi, accettati a seconda dei Paesi tra le 72 e le 48 ore precedenti al viaggio.

GREEN PASS ELIMINA POSSIBILITÀ DI RESTRIZIONI NEI SINGOLI PAESI?
No, purtroppo: ogni Stato membro ha la discrezione di modificare e restringere ulteriormente le proprie regole anti-Covid qualora vi siano emergenze tipo varianti, focolai, impennate improvvise dei contagi

VACCINI RICEVUTI HANNO UGUALE VALORE?
I certificati di vaccinazione saranno rilasciati a una persona vaccinata con qualsiasi vaccino anti COVID-19. Per quanto riguarda la deroga alle restrizioni alla libera circolazione, gli Stati membri dovranno accettare i certificati di vaccinazione per i vaccini che hanno ottenuto l’autorizzazione all’immissione in commercio nell’UE

Qui tutte le FAQ del Green Pass Covid: Ministero della Salute – Commissione Ue





© RIPRODUZIONE RISERVATA