Greta Thunberg: “Sono famosa ma non so perchè”/ “Quando fama sparirà sarà difficile”

- Davide Giancristofaro Alberti

Greta Thunberg si racconta, dalla sua fama, al futuro, passando per la vita in Svezia: “Posso andare in giro tranquilla, ma altrove…”

Greta Thunberg
Greta Thunberg (LaPresse)

Ha compiuto da poco 18 anni Greta Thunberg, l’attivista pro clima più famosa dei nostri tempi. Sembrano passati anni luce da quando la sconosciuta 15enne svedese scendeva in piazza per incoraggiare i “grandi del mondo” a fare qualcosa per il clima e per la terra, ed oggi, a tre anni di distanza, Grea Thunberg si è interrogata sul perchè della sua fama: “Non lo so – le sue parole al Financial Times riportate da Dagospia – credo che sia stata solo la cosa giusta al momento giusto. La gente era pronta per questo genere di cose, e poi è semplicemente decollato. E una cosa tira l’altra e, sì, è andata fuori controllo… o almeno, fuori da ciò che era ragionevole”.

La 18enne svedese non si aspetta però che la sua fama duri ancora a lungo: “Sono sorpresa che sia rimasta così a lungo. Non l’ho davvero ancora afferrata, in un certo senso… Devi tenerti lontano da questo tipo di cose, non puoi lasciare che questo occupi la tua vita personale. Perché quando tutta questa attenzione scomparirà, cosa che accadrà molto presto, allora potrebbe essere una cosa difficile da gestire“.

GRETA THUNBERG: “CONTINUERO’ A FARE TUTTO IL POSSIBILE”

La sua vita in Svezia è comunque andata avanti come sempre, grazie ad una cultura nei paesi nordici molto diversa rispetto a quanto avviene in altri Paesi: “Sono molto fortunata in Svezia – dice Greta Thunberg – abbiamo questa cosa chiamata Jantelagen. Nessuno si avvicina a te. Se vado in un altro paese, anche se è solo la Danimarca o la Norvegia, non posso camminare per strada senza che la gente mi fermi. Ma qui in Svezia nessuno mi guarda nemmeno. Posso vedere nei loro occhi che sanno che sono io e che mi riconoscono, ma non mi fermano. Il che è abbastanza bello, in realtà”. Ma cosa vuole fare Greta Thunberg da grande? “Il desiderio sarebbe che tutto andasse bene – confessa la giovanissima attivista al termine dell’intervista – e che non ci fosse bisogno di attivisti per il clima. Ma per essere realistici, probabilmente non sarà così. Una cosa è certa, continueremo a fare tutto il possibile, in base alle circostanze. E continuare a comunicare la scienza, e a essere una spina nel fianco per le persone al potere”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA