GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1/ Bottas in pole position, Leclerc ottimo quarto

- Mauro Mantegazza

Griglia di partenza Formula 1, al Gp Sakhir 2020 Valtteri Bottas si prende la pole position. Secondo Russell, seguono in seconda fila Verstappen e Leclerc.

bottas Formula 1
Formula 1: Valtteri Bottas (Foto LaPresse)

GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1: BOTTAS IN POLE POSITION

Valtteri Bottas ha conquistato la pole position nelle qualifiche del Gran Premio di Sakhir 2020 e quindi partirà davanti a tutti sulla griglia di partenza Formula 1 nella gara in programma domani sera in Bahrain. Anche oggi naturalmente qualifiche in notturna sul layout più breve del circuito di Sakhir, dove dunque Bottas si è preso la pole position in 53″377, ma per soli 26 millesimi di vantaggio su George Russell, che conferma dunque tutto il suo talento e riesce a garantire alla Mercedes una doppietta in prima fila sulla griglia di partenza Formula 1. Delusione per Max Verstappen, terzo a soli 56 millesimi da Bottas: vero che il tracciato è breve, ma arrivare a 56 millesimi dalla pole e non essere nemmeno secondo di certo non è una bella notizia per Max. Boccata d’ossigeno invece per la Ferrari, che coglie con Charles Leclerc un quarto posto che era francamente difficile da immaginare ieri sera e sarà così protagonista sulla seconda fila della griglia di partenza Formula 1. Abbiamo poi Sergio Perez e Daniil Kvyat in terza fila, Daniel Ricciardo e Carlos Sainz in una intrigante quarta fila e Pierre Gasly e Lance Stroll a completare la top 10. Gli esclusi eccellenti dal Q3 sono stati invece Alexander Albon e Sebastian Vettel: se per il tedesco della Ferrari è la conferma di una stagione mesta, per il secondo pilota Red Bull potrebbe pesare come un macigno su una riconferma sempre più in bilico. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

COMINCIANO LE QUALIFICHE

Tutto è pronto adesso per le qualifiche che disegneranno il volto della griglia di partenza Formula 1 per il Gp Sakhir 2020. Abbiamo già evidenziato che a Istanbul per la Mercedes è sfumato un record assoluto per quanto riguarda le pole position, perché non è mai successo che una scuderia conquistasse il 100% dei primi posti in qualifica in una singola stagione. Tanti ci sono andati vicini, ma almeno una pole position per stagione è sempre sfuggita a chiunque: Istanbul ci ha detto che sarà così anche per la Mercedes 2020, che dunque non potrà scrivere anche questa pagina di storia – con l’en plein ancora vivo, oggi ci sarebbe stata grande pressione su Valtteri Bottas, in assenza di Hamilton, invece il record è sfumato. L’impresa d’altronde è sempre sfuggita negli scorsi anni alla stessa Mercedes, ma anche ad altri scuderie leggendarie come la McLaren dell’era Honda, la Williams degli anni Novanta, la Ferrari di Schumacher e la Red Bull di Vettel, per citare altri esempi di predominio che però mai è arrivato al 100%. Oggi a Sakhir che cosa succederà in assenza del campione del Mondo? Parola naturalmente alla pista e al cronometro per scoprirlo, siamo pronti per il via alle qualifiche per determinare la griglia di partenza Formula 1! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

I PRECEDENTI

In attesa di scoprire come si comporrà la griglia di partenza Formula 1 per il Gp Sakhir 2020, possiamo fare un tuffo all’anno scorso, tenendo presente naturalmente che si correva il Gp Bahrain e sulla configurazione classica del circuito di Sakhir, a differenza di oggi. Si trattava della gara numero 999 nella storia del Mondiale di Formula 1 e Charles Leclerc diventò il 99° pilota capace di conquistare la pole position, il primo monegasco, il più giovane poleman per la Scuderia Ferrari e il secondo più giovane della storia del Mondiale. Un sabato storico dunque per Leclerc, che aprì una prima fila della griglia di partenza Formula 1 tutta Rossa, dal momento che al secondo posto si piazzò Sebastian Vettel: pensando a cosa è successo quest’anno, compreso il flop di settimana scorsa sulla medesima pista (nessuna Ferrari in Q3) sembra un’altra era geologica per Maranello, capace di relegare la Mercedes in seconda fila, con Lewis Hamilton al terzo posto davanti al suo compagno di squadra Valtteri Bottas. Quinto fu Max Verstappen, da ricordare anche la sesta casella per Kevin Magnussen con la Haas. In gara però, tra errori e problemi tecnici per i piloti Ferrari, la vittoria andò a Hamilton davanti a Bottas, una doppietta Mercedes con Leclerc terzo e Vettel quinto, alle spalle anche di Verstappen. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1

Tra poche ore scopriremo la griglia di partenza Formula 1 per il Gp Sakhir 2020, il sedicesimo appuntamento della stagione che completa una doppietta di gare su questo circuito, ma con diversi tracciati. Anche oggi la lotta per le migliori posizioni sulla griglia di partenza Formula 1 sarà bellissima, con l’avvincente lotta per raggiungere le massime prestazioni sul circuito di Sakhir, in questo weekend nella conformazione inedita, in cui per la prima volta si utilizzerà il circuito esterno di Sakhir. La Mercedes ha visto sfumare a Istanbul il monopolio delle pole position stagionali ma resta grande favorita, mentre la Ferrari cercherà almeno di fare meglio di settimana scorsa, anche se il primo rivale di Valtteri Bottas dovrebbe essere ancora una volta Max Verstappen, salvo sorprese in stile Lance Stroll in Turchia – magari favorite dall’assenza di Lewis Hamilton. I numeri della stagione 2020 in corso parlano infatti chiarissimo in Formula 1: Istanbul a parte, solamente i piloti Mercedes finora sono partiti davanti a tutti sulla griglia di partenza e nemmeno la lotta interna è stata così grande, se si pensa che solamente quattro volte è stato Valtteri Bottas l’autore della pole position.

GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1: I NUMERI RECENTI

Andiamo dunque ad esaminare che cosa ci dicono finora i numeri della griglia di partenza Formula 1 in questo curioso 2020, che ha già proposto quindici Gran Premi spesso vinti dalla Mercedes alla domenica, ma ancora più dominati da Stoccarda al sabato nelle qualifiche. Valtteri Bottas è riuscito a conquistare la pole position nella prima delle due gare in Austria e nella seconda delle due a Silverstone, impedendo così a Lewis Hamilton di fare doppiette di pole sulla stessa pista, poi si è preso la pole position anche al Nurburgring e pure ad Imola, in compenso altre dieci sono andate al campione del Mondo in carica e grande assente di oggi per Covid, più dominante che mai quest’anno fin dal giro secco in qualifica, come ha dimostrato per l’ultima volta settimana scorsa sempre in Bahrain e in precedenza anche a fine ottobre a Portimao, dove scattando davanti a tutti sulla griglia di partenza Formula 1 ha poi superato definitivamente Michael Schumacher per numero di vittorie. Nelle pole position invece lo ha già staccato da tempo e d’altronde quella della Mercedes 2020 sulla griglia di partenza Formula 1 è una vera e propria dittatura, scalfita solo dalla pazza qualifica di Istanbul che ha negato a Stoccarda la possibilità di un monopolio mai riuscito a nessuno, mentre per la Ferrari il ricordo di un 2019 in cui Charles Leclerc fece addirittura più pole position di Hamilton – compresa quella di Sakhir – sembra appartenere a un’altra epoca storica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA