Griglia di partenza Formula 1/ Hamilton in pole position, Renault in forte crescita

- Michela Colombo

Griglia di partenza Formula 1: Hamilton in pole position al Gran Premio di Toscana 2020, in questo fine settimana al circuito del Mugello.

Hamilton Formula 1
Griglia di partenza Formula 1 - Lewis Hamilton, campione del mondo in carica della Formula 1 (LaPresse)

La griglia di partenza di Formula 1 per il Gp Toscana 2020 ci consegna anche la crescita della Renault: per Daniel Ricciardo si tratta della terza volta consecutiva nella Top 10 delle qualifiche, certo non sarà la quarta posizione che aveva ottenuto in Belgio ma il suo ottavo posto certifica come questa scuderia possa ora giocare un ruolo da protagonista. Anche Esteban Ocon è entrato nel Q3, pur dovendosi accontentare del decimo posto senza riuscire a centrare un tempo utile; ad ogni modo il francese è riuscito a mettere in fila Lando Norris e Daniil Kvyat, e anche Pierre Gasly che solo sei giorni prima aveva clamorosamente vinto a Monza. Dunque nella griglia di partenza della Formula 1 ritroviamo le due Renault nelle prime cinque file; con gli ultimi risultati la casa automobilistica francese si è portata al quinto posto del Mondiale costruttori, scavalcando la Ferrari e inseguendo ora la Racing Point che paga la penalizzazione di 15 punti, ma che con Sergio Perez e Lance Stroll (posizioni invertite a causa della penalità comminata al messicano) scatteranno settimo e sesto, e saranno clienti scomodi anche al Mugello. Aspettiamo dunque, per scoprire quello che succederà in pista una volta che il Gp Toscana 2020 prenderà il via. (agg. di Claudio Franceschini)

IL RISCATTO DI LECLERC E ALBON

Nella griglia di partenza di Formula 1 per il Gp Toscana 2020, ci sono due piloti che sono riusciti a riscattare qualche risultato deludente. Ovviamente Charles Leclerc è il primo: dopo due eliminazioni consecutive nel Q2, il monegasco ha riportato la Ferrari in terza fila e questo è il suo migliore traguardo dal Gp di Gran Bretagna, quando era stato quarto. Un risultato nettamente migliore a quello di Sebastian Vettel, che invece ancora una volta non ha raggiunto il Q3; Alexander Albon invece ha ottenuto la seconda fila con il quarto posto, piazzandosi nella griglia di partenza al fianco di Max Verstappen. Il thailandese non si trovava così in alto dall’esordio in Austria; due piloti dunque che al Mugello potrebbero provare a riottenere una posizione consona alle loro possibilità, al netto delle difficoltà che hanno incontrato fino a questo momento. Vedremo se realmente sarà così; la gara come al solito può essere ben diversa da una qualifica e la griglia di partenza risultare stravolta, come abbiamo visto per esempio a Monza la scorsa settimana; Leclerc e Albon sono comunque pronti a giocare un ruolo da protagonisti. (agg. di Claudio Franceschini)

GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position e partirà quindi davanti a tutti sulla griglia di partenza Formula 1 del Gran Premio di Toscana 2020 Ferrari 1000, un appuntamento speciale sulla pista del Mugello per onorare la millesima presenza del Cavallino nel Mondiale. Festa Ferrari, ma è sempre la Mercedes più forte di tutti: per l’inglese tempo di 1’15″144 per mettersi alle spalle il compagno di squadra Valtteri Bottas, che completa così l’ennesima prima fila della griglia di partenza Formula 1 tutta per la Mercedes. La seconda forza è senza dubbio la Red Bull, che a sua volta monopolizza la seconda fila grazie al terzo posto di Max Verstappen e il quarto di Alexander Albon. Un guizzo Ferrari grazie al quinto posto di Charles Leclerc, favorito anche da un errore di Ocon che ha impedito a molti altri di lanciarsi nel giro veloce; sesto Sergio Perez (che però sarà penalizzato) davanti a Lance Stroll con le due Racing Point, infine completano la top 10 l’ottavo posto di Daniel Ricciardo, il nono di Carlos Sainz e il decimo appunto di Eseban Ocon. Per Sebastian Vettel invece una amara eliminazione nel Q2, con il quattordicesimo posto alle spalle anche della Alfa Romeo di Kimi Raikkonen. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IN PISTA PER LA POLE POSITION

Finalmente comincia la sessione di qualifiche che consegnerà la pole position e disegnerà la griglia di partenza Formula 1 per il Gran Premio di Toscana e davvero non vediamo l’ora di dare la parola alla pista del Mugello, dove per la prima volta la F1 farà tappa. Come abbiamo detto prima, mai prima di questo fine settimana il campionato del mondo aveva inserito l’appuntamento in terra toscana: sono dunque ancora da scrivere tutti i record della pista, non ultimo quello della prima pole position, come del giro più veloce, a cui però, come abbiamo visto, rimane sempre la Mercedes la prima favorita. In gara come specialmente nel giro veloce, la vettura di Toto Wolff si è rivelata imprendibile, quasi “aliena” visti i distacchi che sempre più si leggono durante le qualifiche ufficiali. Ne abbiamo avuto riprova solo sette giorni fa a Monza, quando dietro a Hamilton e Bottas erano almeno sette decimi da tutti gli altri. Ma chissà che il tracciato inusuale riesca a mettere in scacco le vetture di Toto Wolff: diamo la parola alla pista! (agg Michela Colombo)

FOCUS SU CARLOS SAINZ

In vista delle prove ufficiali che disegneranno la griglia di partenza della Formula 1 per il Gp di Toscana vogliamo però mettere in evidenza un nome che presto diventare caro per i tifosi della Ferrari. Parliamo di Carlos Sainz jr, che dalla prossima stagione sarà al volante della Rossa in compagni di Charles Leclerc, ma che per ora sta ancora facendo vedere il priori valore alla guida della McLaren. Proprio con la vettura arancio papaya lo spagnolo ha regalato scintille, pure solo la scorsa settimana, nella lotta per la pole position andata in scena all’Autodromo di Monza. Qui infatti Sainz, lasciata la pole come la prima fila alle solite Mercedes, si è rivelato il primo dei “normali”, andando ad occupare la terza casella e la seconda fila per la griglia di partenza della Formula 1 (pur registrando un ritardo di quasi sette decimi da Hamilton e Bottas). Non solo: il figlio d’arte pure si è confermato anche il giorno dopo, nella folle gara di domenica, dove ha trovato un buon secondo gradino del podio (anche se il primo era più che mai alla sua portata). E chissà che pure su una pista non conosciuta, lo spagnolo possa ancora regalarci un’emozione. (agg Michela Colombo)

LA FERRARI

Formalmente il Gran Premio della Toscana 2020 porta il anche il nome di “Ferrari 1000” a celebrare il millesimo Gp che la scuderia del Cavallino rampante (unica casa sempre presente nel mondiale) disputerà: ma in vista delle qualifiche che decideranno la griglia di partenza Formula 1 al Mugello non è certo con animo sereno che la Rossa approda a questo storico traguardo. Anzi si può dire, ancora una volta, che la casa di Binotto, Vettel e Leclerc sia sprofondata in una crisi senza uscita: la vettura, fin dalle prime prove era apparsa lontana per competitività non solo alle big, ma pure alle “piccole” del Mondiale. E negli ultimi Gp il ritardo dalla Ferrari rispetto alle altre scuderie è diventato quasi abissale, specie nella lotta alla pole position. Basti ricordare che cosa è successo solo sette giorni fa a Monza, nelle qualifiche che hanno deciso la prima fila tutta Mercedes (e la pole di Hamilton) nella griglia di partenza della Formula 1 per il primo gp italiano. Qui infatti la rossa ha trovato appena la 13^ piazza con Leclerc, e la 17^ casella per Vettel: difficile trovare nella storia della rossa un precedente così amaro. E che purtroppo potrebbe anche ripetersi, con grave dispiacere dei tifosi. (agg Michela Colombo)

GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1: OGGI AL MUGELLO

Solo poche ore prima di scoprire come si comporrà la griglia di partenza della Formula 1 per il Gran Premio di Toscana 2020 e davvero non vediamo l’ora di concedere spazio alla pista del Mugello, che per la prima volta ospiterà una gara valida per il campionato iridato della F1. E’ dunque fremente attesa per la sessione di qualifiche che consegnerà la prima pole position di questo inedito Gran Premio per la Formula 1, il secondo (su tre) che verrà disputato sul suolo italiano, in questo campionato 2020 della F1: chi per primo segnerà il suo nome nella lista dei record del tracciato toscano? Certo alla vigilia delle qualifiche ufficiali è quasi impossibile dare risposta certa a tale domanda: specie se ricordiamo che qui non vi è alcun precedente per la Formula 1 qui al Mugello e che solo lo scorso venerdi qui hanno corso le vetture per la prima volta (fanno eccezione le Ferrari, visto che il tracciato è di loro proprietà, anche se poche volte vi hanno qui provato). Eppure se guardiamo alla prima parte della stagione 2020 del mondiale non possiamo non fare alcune considerazioni sulla griglia di partenza della Formula 1 per il Gp della Toscana 2020 al Mugello.

GRIGLIA DI PARTENZA FORMULA 1: SARA’ DOMINIO MERCEDES?

Se dall’equazione togliessimo il fatto che il Mugello è territorio inesplorato, non avremmo alcun dubbio nell’assegnare alla Mercedes e ai suoi piloti il favore nella lotta per la pole position, anche in questo sabato. La casa della Frecce d’argento (rinominate in questa stagione “Frecce nere” visto il cambio di livrea) infatti è apparsa fin da subito dominante in gara come nelle qualifiche che disegnano la griglia di parta della Formula 1: anzi nelle prime gare, la prima casella ha visto solo piloti della scuderia di Toto Wolff. A conti fatti ricordiamo infatti bene le pole position ottenute da Valtteri Bottas al primo gp austriaco e alla prova del 70° anniversario a Silverstone: nelle altre sei prove di questa parte della stagione della Formula 1 la prima casella è stata invece del compagno di squadra Lewis Hamilton. E pure va aggiunto che anche la seconda piazza dello schieramento difficilmente non ha visto un pilota della casa anglotedesca in queste prime otto gare: dato che ci fanno ben capire perché parliamo di “Dominio Mercedes” anche in vista di questo Gran Premio di Toscana. Ma come dicevamo prima, il Mugello è tracciato completamente ignoto e sebbene la casa tedesca dimostrato ampiamente di avere la macchina più competitiva di questa stagione iridata, chissà che la sorte non preveda altro in vista delle qualifiche del sabato. Solo dando la parola all’asfalto toscano lo scopriremo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA