GUERRA DEL GRANO/ G7 e Ue troppo lenti, 320 milioni di africani alla fame nel 2022

- Giuseppe Gagliano

La guerra in Ucraina colpisce soprattutto i Paesi africani. Gli aiuti economici del G7 e dell’Europa sono al momento insufficienti

africa etiopia tigray 2 lapresse1280 640x300
A Mekele, nel Tigray (Etiopia) (LaPresse)

Un pacchetto di finanziamenti infrastrutturali da 600 miliardi di dollari da parte dell’Unione Europea e degli Stati Uniti per l’Africa è il risultato del G7 del 26-28 giugno. Il pacchetto formalmente lanciato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden come partenariato per le infrastrutture e gli investimenti globali (PGII) deve essere finanziato con fondi pubblici e privati: 300 miliardi di dollari dall’Ue, 200 miliardi di dollari dagli Stati Uniti e 100 miliardi di dollari dalla Gran Bretagna e altri.

Questi ingenti finanziamenti possono naturalmente essere letti come una risposta alla rete infrastrutturale cinese Belt and Road Initiative (Bri) che si estende dall’Asia orientale, passando per l’Africa orientale, all’Europa.

Ma il PGII e il Global Gateway dell’Ue, che mira anche a competere con la Cina, sono programmi a medio termine. Biden ha evidenziato alcuni dei nuovi piani come l’investimento in energia solare da 3 miliardi di dollari in Angola, un progetto di sanità pubblica in Costa d’Avorio e maggiori finanziamenti per il progetto di sviluppo dei vaccini dell’Institut Pasteur in Senegal.

Sulle richieste più immediate dell’Africa e delle regioni in via di sviluppo per il G7 di fare di più per alleviare gli effetti a catena della guerra di Mosca all’Ucraina, il vertice ha fornito un deludente finanziamento di 4,5 miliardi di dollari. Questo investimento è in palese contrasto con il Programma alimentare mondiale secondo cui l’Africa ha bisogno di almeno 21,5 miliardi di dollari in finanziamenti extra quest’anno solo per tenere il passo con l’aumento dei prezzi e i problemi logistici. Senza ulteriore aiuto, circa 320 milioni di persone dovranno affrontare carenze alimentari croniche quest’anno.

Il presidente senegalese Macky Sall, che presiede l’Unione africana, ha detto al vertice che le economie della sua regione sono state intrappolate tra il martello della guerra del presidente russo Vladimir Putin all’Ucraina e l’incudine delle sanzioni contro Mosca, che hanno innescato diffuse interruzioni delle catene di approvvigionamento.

L’Ue ha istituito un fondo di 250 milioni di euro per aiutare i Paesi che lottano per importare grano, ma la sua portata è limitata al Nord Africa. Settimana scorsa l’Egitto ha acquistato 815mila tonnellate di grano, il più grande acquisto singolo da un decennio. E la Banca Mondiale sta prestando all’Egitto 500 milioni di dollari per aumentare la sicurezza alimentare.

Questo dà un’idea di quanto sarà necessario per l’intero continente africano. Il 24 giugno, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha ospitato una conferenza globale sulla sicurezza alimentare con i ministri dell’agricoltura e dello sviluppo per esaminare i modi per espandere la produzione e la distribuzione di grano, mais e altri cereali nel continente.

Anche il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha partecipato al vertice, esortando i paesi del G7, insieme al direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio Ngozi Okonjo-Iweala, ad accelerare i negoziati sui brevetti per i vaccini e le terapie necessarie per affrontare le emergenze di salute pubblica.

Inoltre Vera Songwe, segretaria esecutiva della Commissione economica per l’Africa delle Nazioni Unite, ha chiesto un programma per aumentare la catena di approvvigionamento della produzione di fertilizzanti africani, basandosi sulla capacità esistente in Marocco, Egitto, Angola e Nigeria, ma anche in Togo, Senegal ed Etiopia. L’aumento della produzione di fertilizzanti contribuirà a ridurre i prezzi e ad aumentare la produttività.

I leader del G7 hanno discusso i modi per rompere la morsa di Mosca su gran parte delle esportazioni di cereali dell’Europa orientale. Il ministro dell’Agricoltura tedesco Cem Özdemir ha condotto discussioni sui modi in cui il grano ucraino potrebbe essere esportato attraverso altre rotte per aggirare il blocco di Mosca nel Mar Nero.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA