Guerra Turchia Siria/ Tregua di 150 ore e pattugliamenti congiunti

Guerra Turchia Siria, intesa tra Russia e Erdogan. I curdi completano il ritiro dalla zona sicura nel Nord Est, le ultime notizie.

guerra turchia siria
Famiglia curda in fuga da Ras al Ain (LaPresse)

Guerra Turchia Siria, importante svolta dopo il colloquio di Sochi tra Vladimir Putin e Recep Erdogan: annunciata una nuova tregua di 150 ore per consentire il ritiro dei curdi dall’area di confine con la Siria – zona cuscinetto di circa 32 km – come già richiesto cinque giorni fa dall’accordo raggiunto tra Ankara e Washington. Come riporta Il Fatto Quotidiano, l’intesa tra Turchia e Russia prevede pattugliamenti congiunti fino a 10 chilometri e la conservazione dell’attuale status quo nell’area. Intervenuto in conferenza stampa, Putin ha spiegato: «Il presidente turco mi ha spiegato le ragioni dell’offensiva: io sono convinto che i sentimenti separatisti nel Nord-Est della Siria siano fomentati dall’esterno e la regione va liberata dalla presenza illegale straniera». Il numero uno di Mosca ha poi evidenziato la sua preoccupazione circa un ritorno dell’Isis: «I terroristi non devono trarre forza dall’operazione della Turchia».

GUERRA TURCHIA SIRIA, CURDI: “SIAMO FUORI DA SAFE ZONE”

Recep Erdogan si è detto soddisfatto al termine del vertice di Sochi, durato quasi sette ore: «Con Putin abbiamo raggiunto un’intesa storica per la lotta contro il terrorismo, l’integrità territoriale e l’unità politica della Siria, senza dimenticare il ritorno dei rifugiati». Media siriani e panarabi fanno sapere che le forze curdo-siriane si sono ritirate dalla zona di sicurezza nel nord-est del Paese come già chiesto negli scorsi giorni, con le forze curde che hanno informato quelle americane di aver ritirato le truppe dalla “safe-zone”. E Donald Trump deve fare i conti con le pressioni interne a proposito del mantenimento delle truppe in Siria: «Il presidente dovrebbe lasciare le truppe americane in Siria», ha affermato il leader della maggioranza al Senato, il repubblicano Mitch McConnell. Attesi aggiornamenti nel corso delle prossime ore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA