Heather Parisi “A Hong Kong nuova quarantena? Falso”/ “Chi informa verifichi fonti”

- Stella Dibenedetto

Heather Parisi fa chiarezza sull’emergenza coronavirus a Hong Kong: “quarantena solo per chi arriva dall’estero. Chi fa informazione…”.

heather parisi ig
Heather Parisi, Instagram
Pubblicità

Heather Parisi rompe il silenzio e fa chiarezza sulla situazione a Hong Kong dove, secondo alcuni siti d’informazione, in seguito a nuovi casi di coronavirus, il Governo avrebbe deciso di imporre una seconda quarantena dopo aver autorizzato l’apertura delle attività commerciali. La showgirl che vive a Hong Kong con i figli e il marito, però, attraverso un lungo post su Instagram, ha spiegato la situazione chiarendo che a Hong Kong non c’è mai stato nessun obbligo di quarantena e che le attività commerciali non sono mai state completamente chiuse anche se i gestori sono stati invitati ad assumere tutte le cautele del caso predisponendo i tavoli in modo da rispettare la distanza di sicurezza. A Hong Kong non c’è mai stata nemmeno una ‘prima’ quarantena intesa come obbligo per i cittadini di rimanere a casa. E non c’è nemmeno ora una seconda. A Hong Kong non sono mai state chiuse le attività commerciali di alcun genere. E non sono chiuse nemmeno ora“, scrive Heather Parisi che aggiunge come anche gli uffici siano sempre rimasti aperti con l’invito a lavorare da casa ove possibile.

Pubblicità

HEATHER PARISI CONTRO I SITI D’INFORMAZIONE: “VERIFICATE LE FONTI”

Heather Parisi, dopo aver chiarito la situazione di Hong Kong, ha lanciato una frecciatina ai siti che, nelle ultime ore, hanno diffuso la notizia della seconda quarantena a Hong Kong. La showgirl, infatti, esorta tutti a verificare le fonti prima di diffondere una notizia. “Credo che sia compito di chi fa informazione di verificare fonti e notizie prima di pubblicarle. A meno che l’unico compito sia quello di indirizzare l’opinione pubblica verso determinati stati d’animo”, scrive su Instagram. Infine fa sapere che, a causa della presenza di nuovi casi, il Governo ha deciso di prendere ulteriori precauzione per evitare che la situazione peggiori. “Dalla settimana scorsa, a seguito dell’esplosione di qualche centinaio di casi, quasi tutti riferiti a persone rientrate a Hong Kong, il governo ha deciso di introdurre l’obbligo di quarantena per chiunque arrivi a Hong Kong dall’estero e di chiudere i luoghi pubblici e privati destinati ad attività sportive”, conclude.

Visualizza questo post su Instagram

Pubblicità

🇮🇹 Vorrei fare un po’ di chiarezza dopo aver letto su alcuni quotidiani italiani tra questi @ilfattoquotidianoit e @il_post alcune notizie inesatte (parecchio inesatte) relative alla situazione a Hong Kong, in particolare con riferimento alla presunta “riapertura di uffici, negozi e fabbriche” (ma quali fabbriche ci sono a Hong Kong?!?) e a una seconda quarantena. A Hong Kong non c’è mai stata nemmeno una “prima” quarantena intesa come obbligo per i cittadini di rimanere a casa. E non c’è nemmeno ora una seconda. A Hong Kong non sono mai state chiuse le attività commerciali di alcun genere. E non sono chiuse nemmeno ora. A Hong Kong non sono mai stati chiusi gli uffici, ma è stata invitata la cittadinanza a lavorare da casa laddove era possibile e quindi su base esclusivamente volontaria. A Hong Kong non sono mai stati chiusi i ristoranti. Dal 27 marzo è stato introdotto l’obbligo di diminuire del 50% la capienza dei coperti, di rispettare la distanza di un metro e di non preparare tavoli con più di 4 persone. Le scuole sono chiuse dal 24 gennaio. Sono in vigore alcune attenzioni e precauzioni come quelle della misurazione della temperatura nei punti di accesso ad edifici pubblici e privati, la igienizzazione dei trasporti pubblici. A Hong Kong l’uso della maschera è consigliato ma non è obbligatoria anche se la totalità della popolazione la indossa fin dall’inizio dell’epidemia. Dalla settimana scorsa, a seguito dell’esplosione di qualche centinaio di casi, quasi tutti riferiti a persone rientrate a Hong Kong, il governo ha deciso di introdurre l’obbligo di quarantena per chiunque arrivi a Hong Kong dall’estero e di chiudere i luoghi pubblici e privati destinati ad attività sportive. Credo che sia compito di chi fa informazione di verificare fonti e notizie prima di pubblicarle. A meno che l’unico compito sia quello di indirizzare l’opinione pubblica verso determinati stati d’animo. Stay safe 🙏❤🍀 H* #heatherparisi #umberto #hklife #COVID19 #coronavirus #CoronavirusOutbreak #amolamiavita

Un post condiviso da Heather Parisi 😷 (@heather__parisi) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità