Heather Parisi bannata da Facebook per post su vaccini/ “Non c’è libertà di pensiero”

- Davide Giancristofaro Alberti

Heather Parisi è stata silenziata da Facebook dopo un post sui vaccini e la stessa si è sfogata: “Qui manca libertà di pensiero altro che in Cina”

heather parisi ig 640x300
Heather Parisi, Instagram

Polemica sul web da parte di Heather Parisi, storica ballerina, conduttrice e personaggio televisivo amatissimo in Italia, dopo che la stessa è stata “silenziata” da Facebook. Tutta colpa di un post sui vaccini anti covid che Heather Parisi aveva pubblicato ma che non è stato gradito al social di Mark Zuckerberg: “Non puoi pubblicare o commentare per 3 giorni – l’avviso ricevuto dalla showgirl che ricordiamo, vive da tempo a Hong Kong assieme al marito e ai due figli – il motivo è che hai precedentemente pubblicato un contenuto che non rispettava i nostri standard della community”.

Heather Parisi non ha preso bene il “ban”, e si è così sfogata pubblicamente: “Per Facebook il mio post vìola i ‘loro Standard’. Nonostante siano riportate solo affermazioni di pubblico dominio da parte di autorità ufficiali e video ufficiali, il post è stato rimosso e l’amministratore che lo ha pubblicato non potrà postare per tre giorni”. Quindi ha aggiunto: “Ma non diamo la colpa ad anonimi algoritmi. La colpa è di delatori che hanno nome e cognome e che hanno fatto la segnalazione e della Santa Inquisizione scatenata dai media mainstream contro chiunque osi discostarsi dal ‘credo ufficiale’. Dedicato a chi crede che la libertà di pensiero manchi solo in Cina e invece sia un diritto acquisito dell’occidente. Nulla di meno vero”.

HEATHER PARISI E IL POST BANNATO: ECCO COS’AVEVA SCRITTO

Il post incriminato è quello che Heather Parisi aveva pubblicato pochi giorni fa, lo scorso 10 aprile, che si può invece tranquillamente leggere su Twitter in quanto il social del cinguettio ha deciso di non rimuoverlo. Nel dettaglio la ballerina ha ironizzato un po’ sulle ultime notizie circolanti sui vaccini, ed in particolare sui noti problemi emersi con AstraZeneca: “Gennaio – posta Heather Parisi – ‘I vaccini sono sicuri al 100%’. Febbraio: ‘Non è dimostrata correlazione’. Marzo: ‘I benefici sono superiori ai rischi’. Aprile: ‘Funzionicchiano e amazzicchiano‘. Settembre: Pronto il vaccino contro i vaccini”. La ballerina ha pubblicato anche un video dell’infettivologo Massimo Galli, noto camice bianco dell’ospedale Sacco di Milano, in cui sottolinea i casi di reinfezione nei vaccinati: “Attualmente abbiamo delle reinfezioni negli stessi vaccinati dati da variante inglese, le segnalazioni ormai sono parecchie e recenti. Niente di grave, perché sono quasi tutte infezioni blande”. Infine le parole nel filmato di Sabine Straus, presidente del comitato di sicurezza dell’Ema, in merito agli ultimi casi di trombosi ‘associati’ ad AstraZeneca: “Dopo prolungate discussioni all’interno del comitato e dopo aver considerato le conclusioni del gruppo di esperti abbiamo concluso che questi disturbi nei coaguli del sangue siano degli effetti collaterali molto rari del vaccino”. Heather Parisi aveva spiegato mesi fa che non si sarebbe vaccinata contro il covid, ed inoltre aveva già fatto discutere quando aveva spiegato che il covid si sarebbe potuto sconfiggere senza vaccino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA