Heather Parisi vs Italia e Usa/ “Come malavita organizzata, no vaccini e green pass!”

- Silvana Palazzo

Heather Parisi attacca i governi di Italia e Usa su vaccini e green pass: “Usano gli stessi metodi della malavita organizzata! Basta ricatti e intimidazioni, difendiamo la nostra libertà”

heather parisi italia ig 640x300
Hether Parisi in un video su Instagram

Heather Parisi torna all’attacco su vaccini anti Covid, obblighi e green pass. All’indomani delle proteste a Roma e Milano, nel primo caso sfociate anche nella violenza, la ballerina infiamma i social. «Diciamo no al mandatory vaccines, diciamo no al Green Pass, diciamo no alla discriminazione nei confronti di chi esercita la libera scelta di non vaccinarsi», ha scritto su Instagram in un post che sta facendo discutere. Per Heather Parisi è una questione di libertà, richiamo che fa anche per gli Stati Uniti. «Perché ci DOBBIAMO tutti vaccinare fingendo che ci VOGLIAMO vaccinare? Perché ci obbligano anche a firmare un foglio dove si dice che non ci hanno obbligato e che accettiamo tutta la responsabilità di una scelta che non c’è?», ha detto anche in un video.

L’artista statunitense naturalizzata italiana parla di «codardi mezzi di ricatto per costringere chi ha dubbi», quindi invita le persone a non «subire passivamente questo sopruso». L’appello è a far sentire la propria voce prima che sia troppo tardi.

HEATHER PARISI VS GREEN PASS E VACCINI “BASTA RICATTI!”

Ma la protesta deve essere civile secondo Heather Parisi. «Facciamolo nel rispetto della legge, ma con fermezza e senza farci intimorire dai mezzi media mainstream che vogliono dipingerci come brutti, sporchi e cattivi. Non lo siamo», ha proseguito la ballerina su Instagram. Quindi, rivendica «il diritto di scegliere in libertà» perché il vaccino non è obbligatorio, quindi non devono esserci «intimidazioni, emarginazione, ricatti». Così come non deve esserci «la minaccia di toglierci il lavoro e la vita sociale».

Heather Parisi nel video social ha spiegato che parla con tanta passione dell’attualità perché «mai come in questo momento è dovere di ciascuno far sentire la propria voce per difendere il diritto alla libertà e al dissenso che molti governi, compreso quello del mio paese di origine (Usa) e d’adozione (Italia), stanno minacciando nel totale disprezzo di leggi e principi costituzionali». Quindi, lancia un’accusa molto pesante: «Si usano gli stessi metodi che usa la malavita organizzata: o paghi o ti brucio la casa. Si chiama estorsione!».



© RIPRODUZIONE RISERVATA