MICROSOFT WINDOWS PHONE 7/ Microsoft tenta la rivalsa contro Google e Apple

- La Redazione

Con Windows Phone 7 Microsoft prova a recuperare il terreno che gli è stato sottratto da Apple e Google.  

logo-microsoftR400

Con Windows Phone 7 Microsoft prova a recuperare il terreno che gli è stato sottratto da Apple e Google.

La rivalsa di Microsoft è vicina? Vedremo. Intanto l’azienda di Bill Gates tenta di riconquistare la fetta di mercato sottrattale da Google e Apple . Con il nuovo sistema operativo per telefonini Windows Phone 7, presentato ufficialmente oggi a New York dal ceo Steve Ballmer, il colosso tenta di resistere agguerritissima concorrenza con Apple e Google. Nel frattempo, mentre il Ceo ammette di aver «perso un ciclo», per quanto riguarda il business dei sistemi operativi per congegni mobile, in molti malignano circa uno «sconto Ballmer» sulle azioni Microsoft, che dal 2000, il valore della quail, da quando prese in mano l’azienda, si è dimezzato.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

In effetti Microsoft, pur detenendo il 90 per cento del mercato dei software per pc, è decisamente indietro rispetto a quello dei telefonini, degli smartphone e dei tablet. Questo per l’azienda rappresenta un serio problema. Non a caso, società di ricerca come Gartner prevedono che il 2012 saranno venduti nel mondo più telefonini che pc. Il loro tasso di diffusione, infatti, è tre volte quello dei computer. Per Microsoft si tratta, quindi, di cambiare completamente approccio, considerando anche il fatto che la sua risposta all’iPad Apple sarà disponibile non prima di metà 2011, che lo smartphone Kin si è rivelato un fallimento e che, secondo un sondaggio di ChangeWare research, solo l’1 per cento degli americani ha intenzione di acquistare uno smartphone con sistema Windows.

Leggi anche: BLACKBERRY PLAYBOOK YOUTUBE/ Video, la presentazione del Playbook di RIM, l’anti iPad

Leggi anche: FACEBOOK NOVITÀ/ Rivoluzione per il social network: arrivano Luoghi, gruppi privati e filmati scaricabili

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori