SOFTWARE ANTICRIMINE/ Un progetto Ibm per anticipare il crimine prima che avvenga. Come nel film “Minority Report”

- La Redazione

Un software elaborato da Ibm permette alle forze di polizia di prevenire i fatti criminosi

forzepolizia_R375

Si chiama CRUSH (Criminal reduction utilising statistical history) i software studiato e adesso sperimentato in Gran Bretagna. E’ un sofisticato ma concettualmente semplice software, costruito dalla IBM, che i poliziotti di Memphis sperimentano da qualche tempo e che adesso viene impiegato in due distretti inglesi. Per questo software sono stati investiti undici miliardi.

Il concetto base richiama quello del film “Minority Report” con Tom Cruise, dove la polizia arrivava sulla scena del delitto prima ancora che il delitto venisse commesso. Prevenire cioè il crimine, bloccarlo invece che reprimerlo. Il software IBM prevede che i computer immagazzinino le informazioni sui delitti commessi, catalogando decine di impronte di ogni evento illegale, confrontandole con una serie di informazioni che vanno dai criminali conosciuti, al loro comportamento, alle soffiate degli informatori, alla videosorveglianza e persino alle previsioni del tempo. Su richiesta o autonomamente, il computer offre agli agenti le sue previsioni: di rapine, atti vandalici dopo una partita, possibilità che vengano rubate auto.

E’ un tipo di tecnologia che negli ultimi anni è molto in crescita, quella definita "predictive analytics". Le banche ad esempio si affidano da anni a questa tecnologia Ibm. Secondo il dipartimento di Criminologia dell’Università di Memphis, in città dal 2006 in poi c’è stata una riduzione del 31% del crimine in generale e del 15% dei crimini violenti.

Soprattutto, il sistema ha rafforzato il morale degli agenti della polizia cittadina, permettendo loro di fare più arresti mirati, aiutando gli agenti a sentirsi sempre più protagonisti di azioni di successo. Per ottenere questi risultati però l’ambiente di polizia deve essere molto informatizzato. Si prevede che in Italia un sistema del genere possa non arrivare mai…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori