Abbonamenti truffa, telefonia mobile/ Nuove tutele in arrivo per gli utenti con un piano tariffario

- Matteo Fantozzi

Abbonamenti truffa, telefonia mobile: in arrivo nuove tutele per gli utenti che hanno un piano tariffario. Pronta la sperimentazione di un nuovo sistema tecnico per limitare i danni

cellulare_smartphone_2_pixabay
Agcom, multe a Wind Tre e Tim per le bollette a 28 giorni (Pixabay)

Agcom insieme agli operatori e alle associazioni dei consumatori stanno lavorando a una sperimentazione di un nuovo servizio tecnico che potrebbe limitare gli abbonamenti truffa nella telefonia mobile. Una piaga che ormai colpisce tantissimi italiani da moltissimo tempo e di cui si è francamente stufi. A parlare è stata anche l’Adiconsum che in merito agli abbonamenti truffa ha sottolineato: “Questa è una piaga mai risolta, speriamo che questa sia davvero la volta buona”. Tra le novità non c’è solo ed esclusivamente il servizio di tutela per ostacolare le attivazioni di questi servizi, ma anche facilitare i rimborsi. Secondo quanto riportato da Repubblica la sperimentazione sarebbe già in piedi da dicembre scorso. Ora però Agcom ha deciso di uscire allo scoperto per dare una risposta immediata.

UNA SITUAZIONE A CUI PORRE RIMEDIO

Ormai da tempo gli utenti con un piano tariffario di telefonia mobile si lamentano di quelli che vengono considerati abbonamenti truffa. Sicuramente sarà capitato a molti di ritrovarsi in un modo o nell’altro abbonati a qualche servizio non richiesto che porta magari a una serie di giochi da scaricare a settimana fino alle suonerie. Fin dall’alba dei tempi, per la telefonia si intende, si combatte contro queste situazioni molto difficili poi da disdire una volta che sono state casualmente approvate. È per questo che si vuole porre la parola fine per completare questa situazione alquanto fastidiosa. È così che le associazioni dei consumatori e Agcom sono scese in campo per dire la loro e provare a chiudere questa situazione una volta per tutte con una soluzione che si prospetta nuova e sicuramente innovativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori