Batterie Tesla / A sorpresa durano più del previsto: dopo 300mila km perso solo il 10%

- Matteo Fantozzi

Batterie Tesla, a sorpresa durano più del previsto. Sottoposti a un test un gruppo di 350 persone, dopo oltre 300mila chilometri queste perdono appena il 10% delle loro capacità.

macchina_elettrica
Batterie Tesla

I numeri che ci raccontano l’efficienza delle batterie Tesla ci danno grandi indicazioni da non sottovalutare soprattutto perché stiamo parlando di macchine elettriche. La perdita della capacità della batteria infatti è uno dei maggiori rischi quando ci troviamo ad utilizzare una macchina elettrica. Nonostante ci siano anche altre case che hanno fatto dei passi importanti in merito, c’è da dire che però non hanno fornito dei dati statistici precisi e questo test degli sviluppatori di Tesla porta a delle risposte veramente incoraggianti. Un passo in avanti che potrebbe portare a delle risposte importanti e con un salto di qualità che potrebbe portare a un ricambio generazionale che nell’arco di qualche anno potrebbe portare a un’evoluzione che ci farà dimenticare la parola dello scandalo: petrolio.

LE BATTERIE TESLA E LE SUE INNOVAZIONI

Le batterie Tesla sono sicuramente quelle che sono pronte a sconvolgere il mercato delle macchine. Infatti queste hanno dimostrato di avere dei dati davvero molto importanti soprattutto sulle prestazioni. In Olanda e Belgio 350 proprietari di Model S e Model X hanno messo a disposizione dell’azienda i dati delle proprie autovetture per riscontrare dei dati davvero clamorosi. Pare infatti che le batterie perdano il 5% in media dopo circa 80mila chilometri. Un dato davvero clamoroso, che ci porta a scoprire come il calo dell’efficienza rallenta con i chilometri percorsi. Questo ci porta a scoprire che percorsi 300mila chilometri la macchina avrà perso appena il 10% dell’efficienza della sua batteria. In sostanza ci troviamo di fronte a delle specifiche che ci fanno capire come la nostra autovettura avrà davvero poco bisogno, lungo il suo percorso di vita, di assistenza e di cambiamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori