Facebook, riconoscimento facciale / Mossa di Mark Zuckerberg per la sicurezza dei suoi utenti

- Matteo Fantozzi

Facebook, riconoscimento facciale: mossa di Mark Zuckereberg per la sicurezza e per riconquistare tutti quegli utenti impauriti dopo lo scandalo Cambridge Analytica.

facebook_smartphone_pixabay
Allarme sicurezza Instagram

Novità importante per quanto riguarda Facebook che fa subito balzare all’occhio la possibilità di un futuro rivoluzionato per i suoi utenti. Mark Zuckereberg ha deciso di introdurre una nuova norma di sicurezza per superare i pregiudizi dovuti dalle recenti critiche ricevute. E’ stato infatti introdotto l’utilizzo del riconoscimento facciale che permette tramite una breve configurazione di entrare direttamente nel programmo guardando il nostro dispositivo mobile. Una funzionalità lanciata in Italia dall’iPhone X che si può sbloccare con il semplice sguardo di chi lo possiede. Il riconoscimento facciale su Facebook ovviamente non è obbligatorio e può metterlo chi vuole, anche se non è da escludere che anche in merito alle normative legate ai giovanissimi si potrà decidere di farlo diventare una prassi come l’inserimento della password.

LO SCANDALO CAMBRIDGE ANALYTICA

Sembra non esserci più pace per Facebook da quando lo scandalo Cambridge Analytica ha messo in allarme tutti i suoi utenti. Il social network più famoso del mondo pare infatti colpevole, anche in maniera indiretta, di aver collaborato con lo studio di dati sensibili dei suoi utenti per fini elettorali. A prendere subito in mano la situazione è stato l’ideatore della piattaforma Mark Zuckerberg che ha deciso di fare quello che era nelle sue possibilità per evitare la fuga in massa da Facebook. La campagna lanciata sui social per cancellarlo infatti deve averlo messo in guardia alla ricerca di situazioni che potessero offrire maggiore tranquillità soprattutto a chi poi il programma lo andava ad utilizzare. Facebook è entrato ormai nelle nostre vite come un abitudine quotidiana e quindi il fatto di aver maggiore sicurezza su quello che ne comporta il suo utilizzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori