World Password Day/ Ecco 10 consigli utili per proteggere i tuoi account: diciamo basta a 123456

- Davide Giancristofaro Alberti

World Password Day, ecco 10 consigli utili per proteggere i tuoi account: diciamo basta a 123456. Avast ha diffuso un decalogo per gestire nel migliore dei modi le nostre psw

giovane_pc_telefono_pixabay
Pixabay

Oggi è il World Password Day, il giorno dell’anno in cui si festeggiano le nostre password. Si tratta di un’occasione per ricordarci quanto sia importante utilizzare delle parole chiave non troppo semplici, anche se è ancora purtroppo molto diffusa quanto errata, l’usanza di mettere 123456 come psw di un proprio account. Ma come bisogna fare per riuscire ad utilizzare una password sicura? Ce lo spiega Avast, uno degli antivurs free più diffusi, che ha stilato un decalogo per la password perfetta. Prima di tutto, è molto importante creare parole chiave differenti a seconda dei vari accessi, quindi, una password per Facebook, una per l’email, una per Instagram e via discorrendo, abitudine che molti di noi sottovalutano. Inoltre, ogni psw dovrebbe essere complessa, quindi composta da maiuscole, minuscole, numeri, e caratteri speciali, come spesso ci ricordano al momento delle varie iscrizioni sul web.

PASSWORD MANAGER, DOPPIA CHIAVE, ANTIVIRUS…

Per aiutare in questo compito può essere molto utile utilizzare un password manager, ovvero, un programma che aiuta a gestire le varie psw, ricordandovi quelle più complesse. Di solito sono a pagamento ma esistono anche programmi gratuiti. Quarto punto, attivarsi per tempo quando leggiamo notizie di attacchi hacker a vari account: è buona norma cambiare subito la parola chiave, per evitare spiacevoli sorprese. Al quinto punto, l’invito ad utilizzare una doppia chiave di criptazione, come può essere la psw sul pc unita ad un sms. Fra gli altri consigli di Avast, non passare mai via chat le nostre psw, selezionare delle domande per recuperare le parole chiave che siano difficili da indovinare e personali, sensibilizzare il problema fra famigliari e amici, e infine, come non poteva essere altrimenti, utilizzare un buon antivirus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori