Iliad pronta all’aumento delle tariffe?/ Analisti sicuri “Non può sostenere queste offerte ancora a lungo”

- Davide Giancristofaro Alberti

Iliad pronta all’aumento delle tariffe?/ Analisti sicuri in vista del futuro: “Non può sostenere queste offerte ancora a lungo”

iliad 2018 logo 640x300.png
Iliad, 2 miliardi per l'Italia ma sul fisso nessuna decisione

Quanto potrà durare Iliad continuando a promuovere queste tariffe low cost? Secondo gli analisti esperti del settore, davvero poco, a meno che non cambi qualcosa. La notizia, per certi versi allarmante, è riportata dai colleghi di Upgo.news, che sottolineano appunto come la compagnia telefonica francese sia riuscita a conquistare una grande fetta di mercato in meno di un anno, ma a costi che potrebbero a breve comportare dei grandi cambiamenti. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, la tariffa da 5.99 euro al mese farebbe andare in perdita Iliad pari a due euro per ogni cliente. Inoltre, c’è la questione del noleggio delle antenne Wind Tre, che comporterebbe fino al 2023 un costo pari a due miliardi di euro, una cifra a dir poco insostenibile con queste tariffe. Previsioni nefaste quindi per l’aggressiva compagnia telefonica, che andando avanti di questo passo non riuscirà a raggiungere il punto di break even, ovvero, quando investimenti e ricavi si equiparano.

ILIAD PRONTA ALL’AUMENTO DELLE TARIFFE?

Di conseguenza non è da escludere che a breve Iliad possa alzare i prezzi delle proprie offerte se non dovesse raggiungere una soglia di clienti pari ad almeno il 15% dell’intero parco italiano. La situazione potrebbe migliorare nel caso in cui i francesi decidessero di proporre delle offerte anche per la telefonia fissa, ma al momento tale ipotesi non sembrerebbe essere concreta, e di conseguenza dovrà passare almeno tutto il 2019 per portarci Iliad in “casa”. Sia chiaro, si tratta semplicemente di analisi, o meglio ancora, di chiacchiere, visto che nessuno è a conoscenza dei dettagli dei costi reali dell’operazione Iliad in Italia, ed inoltre, il gruppo è solidissimo in Francia, dove è riuscito a guadagnare svariati milioni di euro con una strategia di marketing molto simile a quella attuate sulla nostra penisola. Vedremo cosa ci riserveranno i transalpini nel futuro prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA