Galaxy Fold, capostipite dei dispositivi pieghevoli/ Samsung lavora su nuovi modelli

Galaxy Fold, il capostipite dei dispositivi pieghevoli: dopo il lancio del suo primo “smartfold”, Samsung è già al lavoro su due nuovi modelli

06.03.2019 - Raffaele Graziano Flore
Samsung, il logo
Samsung, il logo (Web, 2019)

Galaxy Fold, il capostipite dei nuovi dispositivi pieghevoli: dopo il lancio, avvenuto lo scorso 20 febbraio, di uno degli smartphone più avveniristici della propria line-up 2019, Samsung è già al lavoro per dare vita a una vera e propria dinastia di device che vanno sotto il nome di “smartfold” e che da oggetto di culto e anche di nicchia potrebbero diventare uno standard nei prossimi anni ed essere anche maggiormente accessibili, per quanto concerne i prezzi, a fasce sempre più ampie di utenti. Infatti, sull’esempio del colosso coreano della telefonia, anche altri competitor si stanno organizzando per rispondere al Galaxy F dato che Samsung ha già in mente delle nuove uscite: secondo quanto riportato in esclusiva dal sito di Bloomberg, in “cantiere” vi sarebbero già due modelli di smartphone pieghevoli di cui uno si potrebbe classificare come il successore del modello presentato il mese scorso e l’altro invece ha anche una valenza nostalgica.

IN ARRIVO I NUOVI “SMARTFOLD” DI SAMSUNG

Secondo l’articolo apparso su Bloomberg, il primo modello di Samsung di cui si parla sarebbe un device pieghevole verso l’esterno e che finisce per diventare una sorta di tablet, mentre l’altro avrebbe un design “a conchiglia” che rimanda –forse volutamente- a quello dei telefoni cellulari che spopolavano a cavallo tra la fine degli Anni Novanta e l’inizio del nuovo millennio: a quanto è dato sapere, questo smartfold potrebbe essere già commercializzato alla fine di quest’anno ma è più probabile che arriverà nei negozi ai primi del 2020, forse anche in attesa di capire prima quali saranno state le reazioni e i primi feedback degli utenti che hanno acquistato il Galaxy F che appunto servirà non solo da test ma anche come capostipite di una nuova generazione di dispositivi che potrebbero anche beneficiare, tra i primi, della tecnologia 5G.



© RIPRODUZIONE RISERVATA