I Cugini di Campagna/ Band di “Anima Mia” sempre al top, ma Nick Luciani…

- Valentina Gambino

I Cugini di Campagna saranno tra i protagonisti della nuova puntata di Techetechetè, in onda oggi nell’access prime time sulla rete ammiraglia di Casa Rai.

cuginidicampagna2017
I Cugini di Campana, durante un'esibizione (Archivio)

I Cugini di Campagna saranno tra i protagonisti della nuova puntata di Techetechetè, in onda oggi nell’access prime time sulla rete ammiraglia di Casa Rai. Il programma mette al lavoro una dozzina di autori che per mesi esaminano senza sosta gli archivi Rai (le “Teche”) per trovare il meglio della televisione dagli Anni 60 ai giorni nostri. “Sarà un’edizione molto ricca”, aveva annunciato la curatrice Barduagni (da 18 anni in redazione). “Ci saranno omaggi a grandi personaggi scomparsi come Corrado, Mike Bongiorno, Little Tony e Massimo Troisi, ma anche puntate dedicate ad artisti come Franco Zeffirelli, Milva e Johnny Dorelli. Ce ne sarà una su come sono state raccontate la famiglia Agnelli e la Fiat nelle scenette e nelle canzoni”, aveva poi anticipato. Per questo motivo, anche stasera la puntata dedicata ai gruppi vintage, vedrà scendere in pista la famosa band di “Anima Mia”, il loro cavallo di battaglia numero uno.

I Cugini di Campagna sempre al top, ma Nick Luciani…

Di recente proprio i Cugini di Campagna, hanno fatto impazzire il loro pubblico partecipando alla sagra del pioppino. “È il pubblico che ci dà la carica”, ha esortato Ivano Michetti, uno dei fondatori della band dal palco. E se loro procedono a gonfie vele, l’ex componente Nick Luciani non se la passa nella stessa maniera. “La vita agiata di un tempo è solo un ricordo. E’ come se ogni giorno mi trovassi ad affrontare una strada in salita, visto che in questi ultimi anni ho lavorato poco”, ha confessato il cantante in un’intervista a Nuovo. L’ex dei Cugini di campagna ha poi aggiunto: “lo, mia moglie Vanessa e mia figlia Karen abbiamo dovuto rivedere il nostro stile di vita. Un tempo potevo concedermi vetture di lusso e spesso giravo con l’autista. Oggi, invece, ho dovuto riscoprire i mezzi pubblici e mi muovo perlopiù in autobus, in treno oppure in bicicletta. Mi do da fare e mi occupo io della spesa. Adesso vado al mercato o nei discount, dove riesco a trovare cibo a un prezzo molto più accessibile. E sono diventato un uomo di casa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA