I PIANI DI BIDEN/ Sapelli: un nuovo colpo alla Germania per combattere la Cina

- Giulio Sapelli

Biden effettuerà incontri importanti in questi giorni con un unico obiettivo: tessere alleanze e accordi per isolare sempre di più la Cina

draghi biden macron leyen lapresse1280 640x300
Mario Draghi, Joe Biden, Emmanuel Macron, Ursula von der Leyen (LaPresse)

L’evento più ricco di riferimento politico-storiografico consumatosi sulle spiagge della Cornovaglia negli albori di un nuovo secolo che ha faticato a delinearsi – ma ora riappare in tutto il suo chiarore – è il nuovo patto tra Usa e Regno Unito che riannoda l’anglosfera proprio quando i G7 ridefiniscono il loro profilo con al centro l’Europa che è appena stata trasformata nel profondo dalla Brexit.

Senza il Regno Unito, il destino europeo di aggregato di potenze terrestri rischia di condannarla all’impotenza politica e addirittura alla perdita del controllo monopolistico del suo mediterraneo lago atlantico. La Francia da sola – potenza imperiale marittima senza più i mezzi per esserlo – non può recuperare il perduto predominio in condominio non solo del Mediterraneo, ma anche dei mari oceanici dove sono i Territoires d’Outremer ma non dominano le sue navi.

Così il mondo torna là dove era dopo la Versailles di Wilson e i suoi deliri nazionalistici, che frantumarono con i francesi e i prussiani l’Impero austroungarico e aprirono la via alla Seconda guerra mondiale che segnò fortunatamente e fortunosamente il dominio Usa sul mondo bipolare.

Ora, come nemico mortale, non vi è più l’Urss con cui un accordo certo si troverà, ma la Cina neomaoista, con cui si è verificato che non si può venire a patti e vivere in pace se non con l’uso minacciato della forza.

Biden ritorna all’ultimo Obama: una nuova politica estera unipolare per potenza e multipolare per il regime vassallatico che quella potenza impone agli Stati europei, interconnessi sia dalla Nato sia dall’Ue in un condominio che è destinato a mutare dopo questa sorta di affermazione in tour (in viaggio) della potenza nordamericana. Non a caso Biden incontrerà anche Erdogan, l’alleato riottoso e infido ma indispensabile, e addirittura Putin in un incontro che sarà storico.

Una sorta di neo-multilateralismo si delinea. Un neo-multilateralismo che ha ancora dentro di sé tutte le voglie di unipolarismo ma che è consapevole che solo cooperando non solo con i vassalli ma anche con gli alieni (la Russia) potrà abbattere il Dragone, solo riclassificando le gerarchie delle alleanze europee (ancor più giù la Germania e su la Francia e l’Italia) si potrà vincere una partita molto difficile. E il Dragone per tutti è la Cina. Devono impararlo anche i tedeschi.

La seconda fase del conflitto intercapitalistico – dopo il dieselgate, il crollo incombente delle banche universali tedesche e la deflazione secolare imposta dall’austerità teutonica – è aperta. Per questo divengono fondamentali anche gli infidi (i turchi) e i debolissimi (i greci). Per questo Mario Draghi è leader speaker al G7 sulle questioni economiche.

I pontieri sono gli homines novi del nuovo potere tra unipolarismo e multilateralismo. Inizia un mondo nuovo e la Cina a esso non appartiene.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI



© RIPRODUZIONE RISERVATA