Iconize confessa finta aggressione/ “Mi vergono di questa cosa” (Non è la d’Urso)

- Rossella Pastore

Iconize confessa di essersi procurato da solo i segni dell’aggressione di cui aveva parlato a maggio sui social. Oggi è ospite a Live – Non è la d’Urso.

Iconize con i segni della finta aggressione
Iconize con i segni della finta aggressione

Iconize racconta delle finta aggressione a Live – Non è la D’Urso. “Posso iniziare con le scuse, sono molto agitato e pentito di quello che ho fatto” – esordisce l’ex ragazzo di Tommaso Zorzi che prosegue dicendo – “vorrei chiedere scusa Lal comunità LGBT, ai miei cari, ai miei amici e in primis a chi subisce delle violenze e in primis a me stesso perché ho fatto una cosa davvero brutta”. Iconize però ci tiene a fare una precisazione: “questa storia si sta strumentalizzando un pò troppo e penso che dietro a questa storia c’è tanto altro, per questo sono venuto qui per raccontarti cosa ho passato. E’ una cosa gravissima, mi vergono di questa cosa, ti chiedo scusa anche per aver usato il tuo programma, sono davvero sentite le mie scuse, non sono giustificazioni”. L’influencer prosegue il suo racconto confessando: “avevo un mio ex ragazzo molto violento nei miei confronti, lui non riusciva ad amarmi, non si accettava e tantomeno non accettava me: da lì ho subito delle violenze”. La D’Urso lo interrompe e chiede: “ma Soleil ha raccontato che tu l’hai detto a lei e alla madre che avresti fatto questa sceneggiata” con l’influencer che risponde “certo, con lei ne ho parlato, ma lei sapeva cosa provavo io per quel ragazzo e soprattutto come stava la mia mente in quel frangente di tempo”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Iconize confessa finta aggressione: “pausa social, vado dallo psicologo”

C’è anche Iconize, tra gli ospiti della nuova puntata di Live – Non è la d’Urso, il talk show condotto proprio da Barbara d’Urso in onda come ogni domenica in prima serata su Canale 5. Iconize – nome d’arte di Marco Ferrero – si è reso protagonista di una triste vicenda relativa a una finta aggressione omofoba che ha raccontato di aver subito a maggio, mostrando peraltro i segni di una contusione a un occhio che poi si è scoperto avere altra origine. Non è ancora chiaro come l’influencer si sia fatto quei segni; in questi giorni, si è ipotizzato perfino che Ferrero possa esserseli autoprocurati colpendosi con un surgelato, il tutto al fine di far parlare di sé e accrescere la sua popolarità. Questa tesi è stata in seguito smentita dal diretto interessato: “Non mi sono tirato un surgelato in faccia”, ha detto, nel corso di un lungo sfogo su Instagram. “Come mi sono fatto del male lo so io, ma non è andata così e non mi va qui di raccontarlo. È stato autolesionismo. Non avrei mai pensato di parlarne così davanti a tutti voi”. Dopo i fatti, Marco ha annunciato una pausa dai social, rassicurando i fan che nel frattempo penserà a curare la sua salute mentale avvalendosi del supporto di una clinica o di uno psicologo.

Iconize racconta la sua verità

La settimana scorsa, Iconize aveva declinato l’invito a Live – Non è la d’Urso per via di alcuni problemi occorsi con i manager che si erano opposti all’ospitata. In un secondo momento, però, il ragazzo si è detto pentito di averli tirati in ballo: “Volevo scusarmi con la mia agenzia che mi sostiene sempre. Non è vero che mi avrebbe strappato il contratto se fossi andato in trasmissione a dire la mia, anzi mi sono sempre stati vicini”. Chiede inoltre perdono alla conduttrice, e questo non solo per essersi inizialmente rifiutato di partecipare: “Volevo chiedere scusa a tutti, iniziando da Barbara se ho utilizzato il suo programma per diffondere ancor di più il mio video”. La d’Urso, dal canto suo, gli accorda volentieri una seconda chance, come precisa nelle anticipazioni alla puntata di stasera: “Siccome nella vita bisogna perdonare, voglio dare la possibilità ad Iconize di raccontare la sua verità, anche perché ci sarà dell’altro, Iconize dice che le cose non sono andate esattamente come sono state riportate…”.

L’intervento di Soleil Sorge

Per i più maliziosi, la mossa di Iconize di disattivare il profilo sarebbe servita unicamente a impedire il crollo dei follower, che in pochi giorni, su Instagram, erano già a meno 20mila. È stata Soleil Sorge, una delle sue amicizie vip, a svelare l’inganno: “Ho fatto una cosa molto grave, me ne pento”, ha ammesso lui dopo. “Chiedo scusa a tutti quanti, mi rincresce, ma sotto c’è tanto altro che magari prima o poi racconterò. Ora mi sto prendendo tempo a casa di mia madre…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA