Idriss Ben Moussa, dalla Fiorentina ad escort/ Arrestato al Parioli dopo una rapina

- Davide Giancristofaro Alberti

La parabola discendente di Idriss Ben Moussa, ex talento della Fiorentina che è divenuto un escort e che è stato arrestato per rapina al Parioli

Carabinieri Qualiano
Napoli, carabinieri: immagini di repertorio (LaPresse)

Idriss Ben Moussa è un ex promessa della Fiorentina, che dopo aver segnato sotto la curva Fiesole è precipitato in una parabola discendente che l’ha portato a fare prima l’escort e poi ad essere arrestato per rapina. Lo si trova, come riferisce il Corriere della Sera, sul sito Megaescort.info, ma lo si è scoperto anche durante una rapina ai quartieri Parioli, a Roma. Il tutto è accaduto giovedì notte, dopo un incontro con un cliente: a seguito di un alterco l’ex promessa della Fiorentina gli ha strappato una busta contenente 1.000 euro, ma anche il Rolex e le cuffie dell’iPhone.

Dopo una colluttazione e l’intervento degli agenti, Idriss Ben Moussa è stato arrestato e poi processato per direttissima. Il ragazzo, nato a Firenze da genitori marocchini, è tornato libero su richiesta del pm Mario Pesci: «Prossima settimana – si difende lo stesso come si legge sul Corriere della Sera – ho in programma un incontro per firmare un contratto da professionista con la Fiorentina. Non sono un escort, mi sono iscritto al sito perché volevo un incontro. I soldi? Li ho presi, ma è stata una decisione del momento».

IDRISS BEN MOUSSA, L’ALTERCO CON IL GIOVANE: ECCO COME E’ ANDATA

Ben Moussa ha giocato un anno con la maglia Under 17 della Viola, per poi ritirarsi, ma stando allo stesso sarebbe prossimo a divenire un calciatore professionista. Ma i fari delle ultime ore si sono accesi sul talento per quanto accaduto lo scorso 4 agosto a Roma, quando Ben Moussa si è incontrato con un giovane per una prestazione da 100 euro.

Peccato però che durante l’incontro fra i due, nella casa del cliente, qualcosa sia andato storto, e alla fine non se ne è fatto più niente. A quel punto il cliente ha detto al calciatore che lo avrebbe accompagnato in auto alla stazione, e in macchina Ben Moussa ha notato una busta con dentro mille euro: è a quel punto che la situazione è degenerata, con il calciatore che ha cercato di rubare i soldi al cliente, più il Rolex al polso. Il giovane talento ha negato ma quando fermato, sottolinea il Corriere della Sera, in tasca gli è stato trovato l’orologio prezioso più 520 euro.







© RIPRODUZIONE RISERVATA