IL CASO/ Se Twitter fa un patto con la Cina e oscura la verità sullo Xinjiang

- Giuseppe Gagliano

Secondo il periodico The Intercept Twitter avrebbe aiutato a  promuovere la disinformazione di Pechino sui controversi campi di internamento nello Xinjiang

Cina, il presidente Xi
Il presidente cinese Xi Jinping (LaPresse)

Secondo l’indagine promossa dal periodico on line The Intercept Twitter avrebbe aiutato a  promuovere la propaganda e la disinformazione del governo cinese sui controversi campi di internamento nella regione dello Xinjiang, una provincia occidentale della Cina. Proprio alla luce dell’inchiesta di Intercept, la società americana ha annunciato un cambiamento di politica che impedirebbe di promuovere la politica ufficiale di Pechino.

Le Nazioni Unite hanno stimato che 1 milione di musulmani uiguri – tra cui bambini, donne in gravidanza, anziani e persone con disabilità – siano stati arrestati nello Xinjiang con il pretesto di combattere l’estremismo. Secondo Human Rights Watchle autorità cinesi stanno commettendo violazioni dei diritti umani nello Xinjiang su una scala mai vista nel paese da decenni.

La capillare presenza cinese ha soffocato la vita nella regione dello Xinjiang, dove le barbe sono parzialmente vietate e a nessuno è permesso pregare in pubblico. Pechino afferma che le restrizioni e la forte presenza della polizia servono a controllare la diffusione dell’estremismo islamico e dei movimenti separatisti, ma gli analisti avvertono che lo Xinjiang sta diventando una prigione a cielo aperto. Una recensione degli annunci pubblicitari di Twitter tra giugno e agosto di quest’anno ha mostrato che il colosso dei social media ha promosso più di 50 tweet in lingua inglese del Global Times, noto periodico on line in lingua inglese che difende le scelte governative cinesi. Molti dei tweet oscurano deliberatamente la verità sulla situazione nello Xinjiang e attaccano i critici del regime del Partito comunista al potere.

Secondo l’inchiesta di Intercept, il Global Times avrebbe pagato Twitter per promuovere i suoi tweet filogovernativi. In particolare uno dei tweet promossi, l’11 luglio, includeva un video  in cui l’editore capo del Global Times affermava che le persone che si riferiscono alle strutture nello Xinjiang come “campi di detenzione di massa” hanno “imbrattato i centri di istruzione e formazione professionale istituiti per aiutare le persone a evitare l’estremismo”.

Un altro tweet del 4 luglio includeva un video presumibilmente preso nello Xinjiang, in cui le persone sono viste fare shopping in strada e mangiare nei ristoranti. Il video descrive le rivolte verificatesi nel 2009 a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, e afferma che i residenti lì “ora vivono una vita felice e pacifica” perché lavorano insieme per combattere il terrorismo e l’estremismo. Non c’è menzione nel video dell’esistenza dei campi di detenzione di massa.

Altre pubblicità del Global Times promosse da Twitter seguono una linea analoga, presentando la regione come un luogo felice e pacifico dove non si sono verificate violazioni dei diritti umani. Un tweet promosso include il video di una donna anziana che riceve un pacchetto di forniture mediche da funzionari del governo prima di scoppiare in lacrime di gioia. Il tweet afferma che la povertà è stata alleviata nell’area perché i residenti locali hanno “accesso a cure mediche di alta qualità e medicine a prezzi accessibili”. Patrick Poon, intervistato da The Intercept, ricercatore cinese di Amnesty International, ha dichiarato di ritenere “spaventosa” la promozione di Twitter degli annunci pubblicitari. “Questo è un problema molto importante e serio che Twitter deve affrontare”, ha detto Poon. “Twitter sta contribuendo a promuovere false accuse e propaganda governativa. Consentire tale pubblicità costituisce un precedente allarmante”.

A seguito della indagine di The Intercept Twitter ha dichiarato che non avrebbe più accettato la pubblicità promossa dai media controllati dallo stato cinese, al fine di “promuovere un discorso sano e una conversazione aperta”.

L’annuncio è stato pubblicato tre ore dopo che The Intercept aveva contattato l’azienda per un commento sulla promozione dei tweet sullo Xinjiang del Global Times. La promozione di Twitter della propaganda del governo cinese sembrava contraddire le sue stesse politiche, secondo le quali la pubblicità sulla piattaforma deve essere “onesta”. Le pubblicità hanno anche minato le dichiarazioni del Ceo di Twitter Jack Dorsey, che lo scorso anno aveva dichiarato al Comitato di Intelligence del  Senato che la società stava lavorando per combattere la propaganda e la disinformazione.

Come molte aziende tecnologiche occidentali, Twitter ha una relazione complessa e contraddittoria con la Cina. La piattaforma di social media è bloccata nel paese e non è possibile accedervi senza l’uso di tecnologie di elusione della censura, come una rete privata virtuale o un servizio proxy. Allo stesso tempo, tuttavia, Twitter ha tratto rilevanti benefici economici pubblicitari  in Cina e ha una presenza crescente nel paese.

A luglio, secondo The Intercept, il direttore di Twitter in Cina ha dichiarato che il team dell’azienda era triplicato nell’ultimo anno ed era la divisione in più rapida crescita dell’azienda. A maggio, il colosso dei social media ha tenuto una conferenza, “Twitter for Marketers”, a Pechino. Nel frattempo, Twitter è stato criticato per aver eliminato gli account dei dissidenti cinesi sulla piattaforma – che sosteneva fosse un errore – ed è stato anche oggetto di una campagna di protesta, lanciata dall’artista cinese Badiucao, dopo che ha rifiutato di pubblicare un simbolo di “hashflag” per commemorare il trentesimo anniversario del massacro di piazza Tiananmen.

Poon, il ricercatore di Amnesty, ha affermato che la polizia in Cina negli ultimi mesi ha sempre più preso di mira i difensori dei diritti umani nel paese che sono attivi su Twitter, costringendoli a cancellare i loro account o rimuovere specifici post critici nei confronti del  governo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA