“IL SUO PENE STA DIVENTANDO UN OSSO”/ 63enne non crede ai medici e lascia ospedale

- Dario D'Angelo

La scoperta choc di un 63enne dopo una banale caduta: dalla lastra il responso emerge chiaramente, il suo pene si sta trasformando in un osso.

Immagini di repertorio
Pixabay

Chissà cosa deve avere pensato un 63enne di New York quando i medici gli hanno detto che il suo pene si stava trasformando in un osso. Deve essere rimasto scioccato, sbalordito, incredulo. Forse avrà pensato ad uno scherzo, ancora di più visto che lui in ospedale c’era andato non per un problema al proprio organo sessuale bensì per una caduta per strada che gli aveva procurato dei fastidi al ginocchio. Giunto in pronto soccorso, i medici, visto il tipo di caduta, come riportato dal Daily Mail, hanno ritenuto opportuno procedere ad una radiografia al bacino. E’ stato in quel momento, dopo l’esame, che osservando la lastra hanno notato che c’era qualcosa che non andava: il pene del 63enne si stava trasformando in un osso. E se pensate che sia una rarità, beh…si vede che siete a corto di letteratura medica…

“IL SUO PENE STA DIVENTANDO UN OSSO”

Non è infatti un evento così raro l’ossificazione del pene. L’organo sessuale maschile, infatti, può essere per così dire “intaccato” da cellule ossee. Le cause sono molteplici: le più comuni sono quelle che fanno riferimento alla malattia di Peyronie, un’anomalia anatomica del pene dovuta alla formazione di tessuto fibroso-cicatriziale che può portare il pene anche a diventare curvo. L’ossificazione può verificarsi anche in altre parti del corpo in presenza di cancro, problemi alla tiroide o malattie del fegato. Queste situazioni possono essere risolte mediante terapie specifiche o interventi chirurgici. Se ora però vi attendete il lieto fine, il paziente che grazie ad una caduta fortuita scopre un problema di questa entità e lo risolve, resterete delusi. Secondo il Daily Mail, infatti, il 63enne newyorchese insoddisfatto della diagnosi, o forse semplicemente incredulo, ha lasciato l’ospedale senza permettere ai medici di aiutarlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA