ABRUZZO, TERRA NOSTRA!

- La Redazione

Antonio De Menna, abruzzese trapiantato da decenni a Milano, ci ha mandato questa poesia in vernacolo, e tradotta in italiano, scritta durante i terribili giorni del terremoto. La pubblichiamo volentieri per farla giungere a tutti i suoi, e nostri, fratelli abruzzesi.  

Terremoto_Abruzzo_ManoR375

Antonio De Menna, abruzzese trapiantato da decenni a Milano, ci ha mandato questa poesia in vernacolo, e tradotta in italiano, scritta durante i terribili giorni del terremoto. La pubblichiamo volentieri per farla giungere a tutti i suoi, e nostri, fratelli abruzzesi.

Poche dope le tre de notte trammiende la ggende se fa ‘nu sonne a l’ambruvvise ‘nu rumore e ‘na botte e cumije la fine de lu monne.

Strille, ggende che corre pe’ le vij, provele, prete che rotele tonne, tonne, quelle che succede n’n ze riesce a capì e tutte le cose attorne se zeffonne.

Terra nostre! Terre tutte crepate, crepate gnè lu cretone a lu sole. Sembre cà lu destine è già segnate. Terra nostre! Strille e lamente ‘n giele vole.

‘Na mamme stregne la citela ‘mbette: «Core, core de la mamma sé, o Dije te le si pijate leste, aleste coma facce mo’ senza la citela mè».

Se sente gnè Criste ‘nchiuvate, gnè ‘nu ciele senza sole, sembre ca la vite l’ha lassate e n’n ce sta niçjùne che le console.

Terra nostre! O Djie n’n ce lassà dentr’a ‘sta notte de pahure pecchè coma faceme a suppurtà tutte ‘sti guaje e ‘sti delure?

«E ‘sa forze chi ve le dà, so’ Ji dentr’ a lu core vostre, che ve dà lu curagge de recumijà, p’arefà nova la terra nostre».

Seme Abruzzese, coccia toste, ma ‘nghe lu core ‘mmane, che coje lu bene a ogne poste e dapuò l’arelasse chiane, chiane.

Terra nostre! L’avem’a ricustruì cchiù belle, ‘nghe l’aiute de Ddji.

Poco dopo le tre di notte mentre la gente dorme all’improvviso un rumore e poi un boato e comincia la fine del mondo.

Grida, gente che corre per le vie, polvere, pietre che rotolano tutto intorno quello che succede non si riesce a capire e tutte le cose intorno sprofondano.

Terra nostra! Terra tutta piena di crepe, piena di crepe come l’argilla al sole. Sembra che il destino è già segnato. Terra nostra! Grida e lamenti in cielo volano.

Una mamma stringe la bimba al petto: «Cuore, cuore della sua mamma, o Dio l’hai presa subito, subito, come faccio adesso senza la mia bimba»

Si sente come Cristo in croce, come un cielo senza sole, sembra che la vita l’abbia abbandonata e non c’è nessuno che la consola.

Terra nostra! O Dio non ci abbandonare dentro questa notte di paura altrimenti come facciamo a sopportare tutti questi guai e questi dolori.

«E quella forza chi ve la dà, sono Io dentro il cuore vostro, che vi dà il coraggio di ricominciare. per rifare nuova la terra nostra».

Siamo Abruzzesi, teste dure, ma con un cuore semplice che sa trovare il bene in ogni cosa e poi lo ridona a poco a poco.

Terra nostra! La dobbiamo ricostruire più bella con l’aiuto di Dio.

Antonio De Menna

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di Il Sussidiario dei lettori