Ilary Blasi, insulti sul web/ “Sembri un trans, troppo silicone”: lei replica così

- Anna Montesano

Ilary Blasi divide il pubblico. Insulti per la conduttrice ma anche molti complimenti. La moglie di Francesco Totti preferisce non replicare

Ilary Blasi
Ilary Blasi conduce "Eurogames"

Per tanti è “la capitana”, per molti altri una conduttrice simpatica e di gran talento, per altri solo “una fortunata e raccomandata”. Una cosa è certa: Ilary Blasi o la sia ama oppure la si odia. La moglie di Francesco Totti è tornata sotto i riflettori, e al centro di nuove polemiche, con la conduzione degli Eurogames. Purtroppo gli ascolti dello show in onda il giovedì sera su Canale 5 fanno fatica a decollare e a questo si aggiungono le tante critiche che la conduttrice riceve sui suoi profili social. Basta infatti spulciare su Instagram, sotto agli ultimi scatti postati da Ilary, per comprenderne bene la situazione. E se il modo di condurre desta qualche perplessità nel pubblico, sono anche i look esibiti sul palco a non convincere. Sotto uno scatto che la vede con delle extension lunghissime si leggono infatti critiche come: “stile Panicucci, nooo”, “stai raggiungendo Donatella Versace, Ilary, te prego, fermate!”; e ancora “Ilary ma cosa stai combinando? Ora basta!”

Ilary Blasi, non solo critiche per “la capitana”

Altro dubbio che costante aleggia tra i commenti agli scatti di Ilary Blasi riguarda poi i presunti ritocchini estetici ai quali la conduttrice si sarebbe sottoposta negli anni. “Ilary, sembri un trans burino! Di quelli che stanno a Tor di Quinto. Terribile!” si legge tra i tanti commenti. Ma se molti ne criticano look e modi, tantissimi la amano proprio per questo. Se il fatto di essere la moglie di Francesco Totti per qualcuno la rende a priori intoccabile – “State zitti, dietro questa grande donna c’è un grande uomo, Francesco Totti, quindi Ilary non si tocca!!!” – altri complimenti arrivano su Instagram per l’indiscutibile bellezza oltre che per la sua professionalità. E la Blasi? Preferisce non replicare e, anzi, dedicarsi alla famiglia e al lavoro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA