PATENT BOX/ Per marchi e brevetti arriva l’esenzione Ires e Irap

- La Redazione

È stato approvato dalle Entrate il modello per per la disciplina di termini e modalità per la richiesta del Patent Box, il regime agevolato dei redditi derivati dai beni immateriali

brevetto_industriale
Brevetto

È stato approvato il modello per per la disciplina di termini e modalità per la richiesta del Patent Box, il regime agevolato dei redditi derivati dai beni immateriali prodotto dalla legge di stabilità del 2015 e reso attivo dal decreto di attuazione dello scorso 30 luglio. Lo ha deciso L’Agenzia delle entrate con un provvedimento che permetterà finalmente di accedere all’opzione. Il termine per l’invio telematico della richiesta è fissato per il 31 dicembre di quest’anno. L’opzione avrà una durata di cinque anni e per la sua attivazione non sono richiesti dati al di fuori del nome dell’azienda e del legale rappresentante.

Il Patent Box rappresenta una parziale esenzione irrevocabile e rinnovabile su Ires e Irap della durata di cinque esercizi commerciali e dedicata ai redditi derivati dall’utilizzo di beni intangibili.

La percentuale detassabile rappresenta oggi il 30%del totale e crescerà per arrivare nel 2016 al 40 e nel 2017 al 50%. Non ancora specificate le modalità d’accesso che sembra richiedano calcoli molto complessi.

Il provvedimento di ieri ha stabilito che per gli esercizi 2015/2016 la richiesta debba essere presentata mediante comunicazione scritta presso l’Agenzia delle entrate. Dall’anno successivo l’opzione sarà resa attiva direttamente sulla dichiarazione dei redditi. Di ieri anche la decisione di collocare nella data conclusiva del primo anno d’esercizio il termine per esercitare le opzioni quinquennali del 2015 e 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori