VERSO IL SALONE DEL MOBILE 2015/ Design Competition: 61 giovani progettisti in vetrina (e in fabbrica)

- La Redazione

DesignèCompetition al prossimo Salone del mobile: 37 prototipi progettati da 61 giovani designer sul tema “Dal tavolo alla tavola”. Promotori: Regione Lombardia, Adi e FederlegnoArredo  

roberto_snaidero_phixr
Il presidente del Salone del Mobile, Roberto Snaidero

Design, giovani, imprese, Lombardia: sono queste le parole chiave del grande progetto di promozionedel design chiamato Design Competition, promosso da Regione Lombardia in collaborazione con ADI – Associazione per il Disegno Industriale e FederlegnoArredo. Un progetto che entra nella sua fase finale con l’esposizione al Salone del Mobile di Milano dal 14 al 19 aprile 2015, dopo la lunga avventura dei mesi scorsi che ha visto 61 giovani designer under 35 lavorare insieme a 32 imprese lombarde, affiancati da 28 tutor/designer professionisti, per la realizzazione di 37 prototipi.

Il 1° maggio si inaugurerà a Milano Expo 2015, un evento di straordinaria importanza per la Lombardia. Il tema “Nutrire il Pianeta. Energia per la vita” pone al centro del dibattito internazionale le questioni legate all’alimentazione, con l’obiettivo di promuovere pratiche virtuose legate alla produzione al consumo di cibo, il rispetto del pianeta e delle sue risorse, la tutela della biodiversità, il valore del cibo come espressione culturale, la solidarietà tra popoli. Design Competition, in linea con Expo 2015, ha così proposto il tema “Dal Tavolo alla Tavola”: dal tavolo, inteso come piano di appoggio, alla tavola, intesa come momento di convivialità, animato da gesti, oggetti e ritualità che esprimono la cultura, i valori di un popolo e i suoi stili di vita.

«Design Competition – sottolinea Mauro Parolini, Assessore al Commercio, Turismo, e Terziario di Regione Lombardia – rientra nell’ambito del Piano d’Azione Moda e Design, un intervento integrato pluriennale, che Regione Lombardia ha finanziato con quasi 4 milioni di euro, per favorire la crescita di settori in cui la Lombardia è leader in Europa. La creatività e l’impegno dei giovani che hanno partecipato al bando è stata accompagnata da tutor, designer esperti, e dalle imprese che hanno realizzato i prototipi. È una collaborazione virtuosa che favorisce la crescita di nuovi talenti e il rinnovamento creativo delle imprese».

Nei mesi scorsi, all’interno della più ampia iniziativa di Regione Lombardia “Design è”, la città di Milano è stata teatro dell’assegnazione del XXIII premio Compasso d’Oro Adi, il più antico e autorevole premio mondiale di design. «ADI è nata per diffondere la buona cultura del progetto non solo tra il pubblico generale, ma anche tra i professionisti e i produttori – evidenzia Luciano Galimberti, Presidente Adi – collaborando con le istituzioni virtuose per un migliore sviluppo del territorio. Per questo in Design Competition ha scelto di affiancare i giovani designer e le imprese nel perfezionamento dell’idea progettuale e nella sua ingegnerizzazione attraverso la presenza attiva di un folto gruppo di professionisti di riferimento».

«La manifattura italiana – ricorda Roberto Snaidero, Presidente di FederlegnoArredo – è il motore della storia del design, rappresenta un’Italia capace di rischiare, di innovare e di creare benessere diffuso. Una realtà imprenditoriale che ha mantenuto la propria produzione sul territorio nazionale e che in occasione del Salone del Mobile di Milano mostra la sua eccellenza. Tutti i più importanti designer trovano in Italia l’amore per le idee e la capacità di trasformare i progetti in prodotti eccezionali, unici al mondo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori