EMECA/ Assemblea generale a Bologna. Romano Prodi speaker d’eccezione

- La Redazione

L’Assemblea Generale di EMECA, l’Associazione che include 22 delle più importanti fiere europee e che festeggia nel 2017 il suo 25° anniversario, si terrà a Bologna il 12 e 13 ottobre

romano_prodi_1_lapresse_2017
Romano Prodi (Lapresse)

L’Assemblea Generale di EMECA, l’Associazione che include 22 delle più importanti fiere europee e che festeggia nel 2017 il suo 25° anniversario, si terrà a Bologna il 12 e 13 ottobre. L’Assemblea Generale si riunisce su base semestrale, ospitata presso una delle sedi dei membri, e lavora per due giorni. È un momento importante di scambio in cui i membri discutono i principali dati economici, gli aspetti più critici, i principali punti di forza e le sfide. L’Italia sarà rappresentata dalle Fiere di Bologna, Milano, Rimini e Verona.

È consuetudine che durante l’Assemblea un interlocutore esterno esponga il suo punto di vista sulle questioni economiche, generalmente con particolare attenzione all’immagine economica del paese ospitante. In questa occasione speciale,  speaker d’eccezione sarà il Prof. Romano Prodi, invitato per la sua lunga e prestigiosa esperienza in Italia e a livello europeo.

“È un onore ospitare a Bologna questa importante Assemblea – dichiara Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere – perché viviamo un momento cruciale per lo sviluppo delle nostre manifestazioni. In ambito fieristico il confronto si misura con i competitor internazionali e, per questo, diventa oltremodo utile avere contatti e potersi scambiare informazioni e linee di indirizzo strategiche ad ampia scala. Far parte di EMECA, la Associazione dei maggiori centri espositivi europei, ci consente di avere un colpo d’occhio globale sull’evoluzione del mondo delle fiere, di condividere esperienze e obiettivi che si inseriscono in un più ampio contesto economico. Abbiamo sperimentato – prosegue Calzolari – che, quanto più cresce la digitalizzazione e si velocizzano le relazioni online, tanto più si rinsalda la necessità di esperienze concrete: per questo le fiere continuano a crescere e i nostri quartieri continuano ad offrire opportunità di business reali a espositori, buyer, addetti ai lavori nei diversi settori produttivi delle oltre 90 fiere che Bologna organizza/ospita ogni anno”.

A Bologna, i rappresentanti delle principali sedi fieristiche sono rappresentati da Francia, Svizzera, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi, Belgio, Germania e Russia. Il 12 ottobre, una cena di gala riunirà i partecipanti dell’Assemblea Generale, delle Istituzioni e dei Rappresentanti della Città di Bologna.

L’Associazione è governata da un Consiglio di Amministrazione composto da 7 membri eletti dall’Assemblea Generale, oltre al Segretario Generale dell’Associazione. Nel consiglio, il  Presidente è svizzero, i membri del Board provengono da Germania, Spagna e Belgio. L’Italia è presente con Giorgio Contini, direttore internazionale di BolognaFiere. “Sono orgoglioso di far parte di questo Board of Directors -dice Contini – BolognaFiere ha una consolidata esperienza internazionale, alcune delle sue fiere esportano all’estero format di successo, il confronto e lo scambio con gli associati EMECA è indispensabile per capire tendenze, criticità, linee possibili di sviluppo per l’industria fieristica, le sue infrastrutture, i suoi servizi”.

Fondata nel 1992 con sede a Bruxelles, l’Associazione EMECA ha un Consiglio di Amministrazione composto da: Claude Membrez, Palexpo Ginevra, Presidente; Andreas Gruchow, Deutsche Messe Hannover, Vice Presidente; Giorgio Contini, BolognaFiere, Vice Presidente; David Boon, Expo di Bruxelles, Vice Presidente; Maria Martinez, IFEMA Madrid, Vice Presidente; Maurits van der Sluis, RAI di Amsterdam, Vice Presidente; Peter Ottman, NürnbergMesse, Vice Presidente; Barbara Weizsäcker, segretario generale; I Vice Presidenti sono responsabili di specifici Gruppi di Lavoro dedicati alle tematiche attualmente in vigore per l’industria espositiva: Unione Europea, Business Digital e Technical Affairs.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori