Incendia casa per sterminare famiglia/ Figlio salva madre e tre fratelli, lui muore

- Silvana Palazzo

Civitella del Tronto, uomo incendia casa per sterminare famiglia ma muore asfissiato. Il figlio invece è riuscito a salvare la madre e i tre fratelli

vigili_fuoco_incendio_incidente_1_lapresse_2017
Vigili del Fuoco - LaPresse

Era pronto a sterminare la famiglia, a incendiare casa per bruciare vivi la moglie e i quattro figli, ma è morto nell’incendio che ha appiccato lui stesso. È accaduto l’altro ieri a Civitella del Tronto, in provincia di Teramo. A perdere la vita è stato Dritan Cobo, 47enne di origine albanese che aveva spesso discussioni in famiglia, soprattutto quando tornava a casa ubriaco. Stando a quanto riportato da Abruzzo Live Tv, aveva “promesso” loro di bruciarli tutti. E allora ha preso una tanica di benzina e ha cominciato a versarla sul divano della cucina, poi gli ha dato fuoco e ha chiuso tutti in casa. Ma moglie e figli sono riusciti a salvarsi. Sono scappati grazie al figlio maggiore che, in una colluttazione col padre, ha avuto la meglio. Il 19enne ha quindi portato in salvo la madre, poi la sorella 20enne e i fratelli di 17 e 5 anni. Rientrato nell’abitazione in fiamme per salvare anche il padre, l’ha trovato morto asfissiato. Nel frattempo è scattato l’allarme e vigili del fuoco, 118 e carabinieri sono arrivati sul posto.

INCENDIA CASA, FIGLIO SALVA MADRE E FRATELLI

Quando sono arrivati, i soccorsi hanno trovato la vittima riversa sull’uscio di casa, poco distante la moglie con difficoltà respiratorie. La famiglia è stata quindi accompagnata in ospedale, mentre i vigili si sono occupati dello spegnimento delle fiamme. L’abitazione però è stata dichiarata inagibile a causa dei danni riportati per l’incendio. Da una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri, e riportato da Abruzzo Live Tv, l’uomo avrebbe cominciato a bruciare una poltrona e provato a impedire ai familiari di uscire. Pare che avesse aspettato che si addormentassero al piano superiore della casa per poi andare nel soggiorno e appiccare l’incendio. Ma la coltre di fumo ha svegliato il 19enne, che ha svegliato i fratelli e la madre. Al piano inferiore è scattata la colluttazione tra il figlio e il padre, che poi si è accasciato a terra. Ora si attende l’esito dell’autopsia sul corpo del 47enne, descritto come violento e irascibile. È stata disposta dal pm di turno, il sostituto Francesca Zani.



© RIPRODUZIONE RISERVATA