Incendio alla Snua di Aviano/ Brucia impianto di rifiuti “Non aprite le finestre!”

- Davide Giancristofaro Alberti

Incendio alla Snua di Aviano, paura per possibile nube tossica nell’aria. Il sindaco del comune e dei paesi limitrofi hanno invitato la popolazione a restare in casa

vigili_fuoco_incendio_incidente_1_lapresse_2017
Vigili del Fuoco - LaPresse

Un incendio si è verificato nella tarda serata di ieri, sabato 19 settembre, presso la ditta Snua Srl di Aviano, comune in provincia di Pordenone (in Friuli Venezia Giulia), famoso per ospitare la base aeronautica. Le fiamme, in base a quanto riferito da numerose testate online nelle scorse ore, a cominciare da Fanpage, sono divampate nella suddetta azienda di rifiuti, da cui si è alzata una nuvola di fumo nero minacciosa, visibile da lunga distanza. Subito è scattato l’allarme e sul posto si sono recati nel giro di pochi minuti diverse squadre dei vigili del fuoco per cercare di domare il rogo. Nel contempo, l’amministrazione locale si è attivata, ed ha invitato i cittadini a rimanere chiusi in casa senza aprire porte e finestre. “State a casa con finestre chiuse e non avvicinatevi all’impianto – l’avviso emesso dal sindaco della cittadina destinato ai residenti di Aviano, a cui ha poi fatto seguito l’avviso dei colleghi dei comuni di Roveredo, San Quirino e Porca – a seguito dell’incendio consigliamo di rimanere in casa con le finestre chiuse e di non utilizzare gli spazi esterni fino a quando non saremo in possesso di più precise informazioni dagli organi competenti”.

INCENDIO SNUA DI AVIANO: ROGO DOMATO

Nel capannone sono ospitate delle materie plastiche e di riciclo che se bruciate potrebbero far esalare dei fumi senza dubbio nocivi per la popolazione locale. Nel dettaglio l’allerta incendio è scattata attorno alle ore 20:00 di ieri, e presso la ditta interessata, situata in via De Zan, sono giunti pompieri provenienti Pordenone, Maniago, Spilimbergo e San Vito. Nel contempo saliva in cielo una nube di fumo nero visibile da diversi chilometri di distanza, fin dal capoluogo di provincia. In seguito si sono recate sul posto, come fatto sapere da Fanpage, anche le chilolitriche di Treviso e Udine, un carro schiuma, nonchè il nucleo Nbcr e i pompieri della base militare locale, vista la vastità del rogo. Il sindaco di Aviano, domate le fiamme, ha fatto sapere: “L incendio ora è sotto controllo ma non ancora spento, grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco italiani e americani nonché delle forze dell ordine prontamente intervenute a cui va il nostro ringraziamento”. Si attendono ora gli esiti dell’Arpa per conoscere eventuali tossicità nell’aria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA