INCENDIO SEDE SKY ROMA/ Video, fiamme domante: causa errore operai, danni a server

- Dario D'Angelo

Paura negli studi di Sky a Roma, dove un incendio ha costretto l’evacuazione totale dell’edificio: errore di alcuni operai

incendio studi sky 2019 facebook
Incendio negli studi Sky, da Facebook Nino Santarelli

E’ stato ormai completamente domato l’incendio che è divampato oggi nella palazzina di Sky a Roma, tra la via Salaria e via sambuca Pistoiese. Secondo i primi risultati resi noti da RomaDailyNews.it, pare che non si sia trattato di un rogo di origine dolosa ma di un errore. Nel dettaglio, le fiamme sarebbero partite in seguito ad una manovra errata commessa da alcuni operai che stavano lavorando sul tetto dello stabile ed erano impegnati nell’opera di posa della guaina con un saldatore a gas. A quel punto le fiamme avrebbero interessato anche una stanza in cui erano presenti alcuni server che avrebbero ovviamente subito dei danni. Dichiarata inagibile la parte interessata dall’incendio ma il locale non è stato sottoposto a sequestro. Dopo la paura iniziale che aveva portato i dipendenti al lavoro in quel momento ad uscire in strada, sono poi rientrati nella struttura dopo la fine dell’emergenza. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

LA NOTA DELL’AZIENDA

L’incendio avvenuto quest’oggi negli studi di Sky a Roma, e che ha costretto l’evacuazione di decine di lavoratori della nota televisione satellitare, ha provocato una serie di problemi di ricezione dei canali. Sono infatti numerose le segnalazioni di quest’oggi, con diversi programmi che non si vedono come dovrebbe, molto probabilmente a causa proprio del rogo scoppiato nella sede capitolina. Al momento da Sky tutto tace, anche se, navigando sul sito web italiano dell’azienda, è comparsa una breve nota in cui si legge: «Gentile cliente, ti informiamo che a causa di un disservizio tecnico, alcuni dei canali Sky potrebbero non essere visibili. Ci dispiace per il disagio, stiamo lavorando per ripristinare il normale servizio nel minor tempo possibile». I disservizi hanno riguardato sia i normali canali televisivi, quanto i servizi Sky Go e Sky Go Plus, le due applicazioni per la diretta via streaming della stessa tv. Dalle info che ci giungono sembra che le fiamme siano scaturite da un locale adibito a magazzino e che fortunatamente non ci dovrebbero essere feriti ne persone coinvolte in qualche modo. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

INCENDIO A SKY ROMA: DIPENDENTI EVACUATI

Incendio negli studi Sky a Roma: panico sulla via Salaria dopo lo scoppio di un rogo scoppiato nella palazzina che ospita l’emittente di proprietà di Rupert Murdoch. Una densa colonna di fumo nero ha fatto capolino nel cielo della Capitale mentre i vigili del fuoco giunti sul posto per sedare le fiamme hanno provveduto ad evacuare l’intera palazzina per ovvie ragioni di sicurezza. All’esterno dell’edificio, come si può evincere dalle immagini di un video pubblicato sul suo profilo Facebook da Nino Santarelli, si è formato un capannello di persone che ha esortato l’arrivo dei pompieri mentre il fumo imperversava con sulla parte superiore del palazzo che ospita degli studi Sky, suggerendo che la portata dell’incendio scoppiato all’interno fosse importante. Le cause del rogo sono ancora sconosciute.

INCENDIO NEGLI STUDI SKY

In attesa che gli inquirenti facciano chiarezza sulle ragioni che hanno portato allo scoppio di un incendio negli studi Sky della via Salaria a Roma, è un dato di fatto che per alcuni minuti siano stati segnalati in tutta Italia, da Nord a Sud, alcuni disagi nella normale trasmissione dei canali della piattaforma satellitare. Tra i canali oggetto di maggiori segnalazioni da parte degli utenti vi è stato Sky Tg24, che almeno fino alle 13:25 di oggi, giovedì 13 giugno, non è stato visibile. Nessun problema invece per quanto riguarda la sede di Milano, dove le trasmissioni sono proseguite senza alcun intoppo. Il dato più importante, quello sull’eventuale presenza di feriti nell’incendio, non è ancora stato reso noto dalle autorità che in questi minuti sono ancora impegnate nelle operazioni di spegnimento delle fiamme.



© RIPRODUZIONE RISERVATA