Incidente alle mani, Gianni Morandi come sta?/ Poteva andare molto peggio

- Emanuele Ambrosio

Gianni Morandi e l’incidente alle mani: a distanza di mesi come sta il cantautore di Monghidoro? “Il percorso sarà lungo, ci vorrà del tempo”

gianni morandi mano facebook 640x300

Gianni Morandi e l’incidente alle mani: a distanza di mesi come sta il cantautore di Monghidoro? “Il percorso sarà lungo, ci vorrà del tempo” con queste parole alcuni mesi fa Morandi parlava del terribile incidente domestico che gli ha causato l’ustione di entrambe le mani. Venticinque giorni di ricovero e un cambio costante dei bendaggi con tanto di sedativo per aiutare il cantante a sopportare il dolore. Per fortuna il peggio è passato e il cantante ha intrapreso da diverso tempo un lungo periodo di riabilitazione per recuperare a pieno l’utilizzo della mano destra. A rivelarlo è stato proprio Morandi sui social: “Nicoletta si muove con molta professionalità e sicurezza ma continua a ripetermi che dovrò impegnarmi anche da solo, con esercizi quotidiani a casa. La mano, per ora, è quasi priva di mobilità e il percorso che mi porterà alla completa guarigione, è ancora molto lungo… Diamoci da fare!”.

Non solo, Morandi ha anche mostrato le mani senza bende scrivendo: “le altre parti ustionate sono guarite quasi completamente: mano sinistra, ginocchia, gomiti, glutei, orecchio sinistro, centro schiena”. Per fortuna a stargli accanto in questo momento così difficile della sua vita ci sono stati la moglie Anna Dan e la famiglia.

Gianni Morandi mani ustionate: “per fortuna ho salvato la faccia”

“Arriva sempre un momento in cui abbiamo** bisogno di chi ci ama**” sono state le prime parole pubblicate da Gianni Morandi sui social poco dopo l’incidente che gli ha causato una gravissima ustione ad entrambe le mani. Una cosa è certa: “poteva andare molto peggio” come ha raccontato lo stesso cantante dalle pagine del Quotidiano Nazionale: “credo che ci sia qualcuno che mi ha guardato dal cielo, ne sono convinto”. Morandi, che dovrà restare in ospedale ancora una decina di giorni, ne parla per la prima volta: “Col passare dei giorni mi spavento sempre di più. Perché mi rendo conto del rischio che ho corso e di quanto sono stato fortunato. Prima di tutto, ho salvato la vita”.

Morandi ha poi raccontato cosa è successo: “perché quando tu cadi dentro a una buca così, mentre spingi dentro un tronco che pensi faccia resistenza, e ti trovi in mezzo alle braci, con le fiamme intorno, è una cosa tremenda. Mi sono attaccato con le mani a un ramo che bruciava pur di saltare fuori – racconta – La seconda cosa importante è che ho salvato la faccia”. Un incidente domestico che poteva davvero costargli caro, visto che il cantante ha riportato ustioni sul 15% del corpo, in particolare mani e ginocchia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA