Incidente mortale Brescia, nessuno aveva patente/ Tra vittime solo una era minorenne

- Luca Bucceri

Incidente mortale Brescia, nessuno aveva patente: tra le cinque vittime c’era una sola minorenne, gli altri non avevano il documento per guidare

foggia assalto portavalori
Polizia (LaPresse, immagine di repertorio)

Nessuna delle cinque vittime dell’incidente avvenuto sabato sera a Rezzato, in provincia di Brescia, aveva la patente. È questo quanto emerge dalle prime testimonianze dei genitori delle vittime dello scontro frontale tra la vettura nella quale viaggiavano e un pullman, incidente che non ha lasciato scampo a  Dennis Guerra, 19 anni, Imad El Harram e Imad Natiq, 20 anni, Salah Natiq, 22 anni, e Irene Sala, di 17 anni. Nessuno di questi aveva la licenza per guidare, ma ancora è da chiarire chi dei cinque era al volante prima dello schianto.

Stando a quanto emerso l’auto era di un amico, che seguiva la vettura da un’altra auto. “Non ci hanno detto ancora chi guidasse, ma mio figlio non aveva la patente, neanche suo cugino né l’amico”, ha confermato il padre di Salah Natiq. Le giovani vittime abitavano con le famiglie tra Vestone, Sabbio Chiese, Preseglie e Villanuova sul Clisi. Lo schianto è avvenuto sabato sera, dopo una grigliata tra amici Sabbio Chiese: i giovani erano diretti a Brescia per incontrarsi con altri ragazzi nei pressi della stazione.

INCIDENTE MORTALE A BRESCIA, I PUNTI DA CHIARIRE

Poco dopo il tragico schianto tra l’auto e il pullman, sul posto è sopraggiunto anche quello che risulta essere il reale proprietario della macchina. Non è ancora chiaro come mai il proprietario si trovasse su un’altra auto. La polizia continua a indagare per fare luce sualcuni punti ancora poco chiari. La dinamica dell’incidente agli inquirenti è però chiara: la Polo sui cui viaggiava la comitiva ha sbandato all’improvviso nella corsia opposta, quella che porta verso il lago di Garda, dove transitava il pullman della International Tour Caldana guidato da un 58enne rimasto illeso.

Come riportato dal Corriere, per ricostruire quello che è avvenuto sabato sera sarà cruciale la testimonianza dell’amico dei ragazzi, proprietario della vettura sulla quale viaggiavano. Ma la sua auto era distante da quella dei cinque giovani al momento dell’impatto e nemmeno lui, secondo le prime rilevazioni fatte dagli inquirenti, avrebbe visto cosa è successo.





© RIPRODUZIONE RISERVATA