INFLAZIONE & MATERIE PRIME/ I veri rischi per la ripresa arrivano nel 2023

- Carlo Pelanda

I produttori di materie prime potrebbero impiegare tempo a riequilibrare i prezzi e questo mette a rischio il consolidamento della ripresa nel 2023

petrolio petroliera impianto raffinazione 1 lapresse1280 640x300
(LaPresse)

L’impennata dell’inflazione con potenziale destabilizzante in America ed Europa deriva dalla scarsità di materie prime ed energetiche e dal conseguente aumento dei prezzi che poi si diffonde a tutto il mercato. C’è anche un problema di scarsità assoluta, per esempio i chip per l’elettronica delle auto, che porta al blocco delle attività produttive in parecchi settori. 

Il mondo degli analisti macro e micro è in subbuglio per capire le cause di un’anomalia che ha preso di sorpresa attori di mercato, governi e Banche centrali e riportarle agli scenari 2022-23. Nella varietà di ricerche, chi scrive ha isolato una tendenza che appare più probabile. Il disallineamento tra domanda e offerta per le forniture delle attività produttive dovrebbe riequilibrarsi entro i primi mesi del 2022, migliorando nel frattempo. Ma tale “caso migliore” non implica una correlata riduzione dei prezzi per l’interesse dei produttori a tenerli alti il più possibile. Tuttavia, questo comportamento potrebbe creare una recessione, impattando sui produttori stessi. Ciò dovrebbe convincerli a tenere atteggiamenti equilibrati. 

Lo stesso può dirsi per i produttori di energia fossile che non riuscirà a essere sostituita da quelle alternative per 10-15 anni. Ma in questo settore il riequilibrio sarà raggiunto con prezzi più elevati di quelli previsti dagli obiettivi di inflazione delle Banche centrali. Queste, però, ritengono più grave il rischio di alzare i tassi per raffreddare economie ancora in ripresa: comunicano che il picco di inflazione sarà temporaneo, ma senza dire in modi convincenti a che livello si assesterà. 

In conclusione, la ripresa 2022 non sembra a rischio, ma il suo consolidamento nel 2023 è, al momento, incerto. 

www.carlopelanda.com 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA