Ingrid Salvat, moglie Luca Barbarossa/ “Conquistata con fettuccine e tartufo”

- Elisa Porcelluzzi

Ingrid Salvat è la moglie di Luca Barbarossa. La coppia, sposata dal 1999, ha avuto tre figli: Valerio, Flavio e Margot.

ingrid barbarossa tt 640x300
Ingrid Salvat e Luca Barbarossa (Twitter)

Ingrid Salvat è la moglie del cantautore romano Luca Barbarossa. I due si sono conosciuti nel 1997 a Parigi durante una festa a casa di amici. Ai tempi era amministratrice di una catena di punti vendita di un noto marchio di alta moda, Ingrid non sapeva che Luca fosse un cantante famoso. Intervistato da Gianfranco Gramola, il cantautore romano ha svelato come ha conquistato la moglie francese: “Con delle fettuccine e un tartufo. Lei viveva a Parigi, in centro, e avevamo cominciato a frequentarci. A un certo punto mi presento, invece che con un anello, con un rotolo di pasta da tagliare, una sfoglia, e un tartufo d’Alba. Le feci questi tagliolini con il tartufo, fantastici. Eravamo in una mansardina e fu una cenetta molto simpatica e romantica. Sembravamo due “aristogatti” con il tartufo”.

Ingrid Salvat: moglie di Luca Barbarossa dal 1999

Ingrid Salvat e Luca Barbarossa hanno avuto tre figli: Valerio, Flavio e Margot. Alla moglie, il cantautore romano ha dedicato la canzone in dialetto “Passame er sale”, che ha portato al Festival di Sanremo 2018. “In genere si racconta l’amore che nasce o quello che finisce, qui c’è la fase della crescita. Parlo a mia moglie con cui sto da circa 20 anni”, ha spiegato Barbarossa al Corriere della Sera. A Tv Sorrisi e Canzoni ha aggiunto: “Questa canzone parla d’amore. Non quello che si vive nella fase dell’innamoramento, ma quello che ci accompagna per tutta la vita in un crescendo di sentimenti. Quello profondo, che attraversa i momenti più difficili. Quello dell’allontanamento e dei riavvicinamenti, che resiste ai figli che crescono e al tempo che passa”. Il testo della canzone in dialetto romano è, infatti, un lungo monologo che il cantante pronuncia avendo sua moglie come interlocutrice immaginaria.



© RIPRODUZIONE RISERVATA