Inter, il punto/ Mazzola: “Handanovic una garanzia, quel che manca è…” (esclusiva)

- int. Sandro Mazzola

Inter, il punto: intervista esclusiva a Sandro Mazzola che ha analizzato la stagione nerazzurra prima della sosta forzata per l’emergenza Coronavirus. Cosa manca per arrivare allo scudetto?

Handanovic De Vrij Inter lapresse 2020
Samir Handanovic, dal 2012 portiere dell'Inter (Foto LaPresse)
Pubblicità

Un campionato interrotto per il problema del Coronavirus con una delle sue squadre più importanti ancora forse alla ricerca di una sua identità. L’Inter è attualmente terza in classifica, in corsa per la vittoria in Europa League e in Coppa Italia. Un’Inter forse al di sotto delle attese, ma che sta rispettando i programmi della società. Passo dopo passo, con la guida di un grande allenatore come Antonio Conte, per far crescere questo gruppo per puntare i prossimi anni allo scudetto e a vertici internazionali ancora più di prestigio… In attesa di scoprire se si potrà tornare a giocare, IlSussidiario.net ha contattato in esclusiva Sandro Mazzola che recentemente si è espresso sul tema del taglio degli stipendi e non solo; l’ex centrocampista nerazzurro ci ha parlato di quelle che sono le sue opinioni riguardo il futuro della squadra, ma anche la stagione corrente e quale sia il suo giudizio sull’operato di Conte e dei calciatori.

Stagione compromessa dal Coronavirus più tempo per l’Inter di sviluppare i suoi programmi per il futuro? No, credo che poi la cosa più bella e importante sia sempre giocare. Una partita di calcio è sempre una cosa che ti manca sempre!

Pubblicità

Cosa salva e cosa non salva dell’annata nerazzurra? Posso dire che quando giocavo io essere terzi in campionato, come è adesso, per l’Inter non era il massimo. Nel calcio conta vincere alla fine; poi è vero alcuni incontri dell’Inter sono stati belli. La formazione nerazzurra ha anche mostrato un ottimo calcio in certe occasioni. C’è la possibilità di raggiungere obiettivi di prestigio come il successo in Europa League. Il problema è trovare continuità…

La partenza di Lautaro Martinez probabile potrebbe essere un problema per l’Inter? Se parte un giocatore anche forte poi coi soldi ricevuti dalla sua cessione se ne può prendere un altro!

Handanovic garanzia ancora per il futuro nonostante l’età? Direi proprio di sì, l’età alla fine conta fino a un certo punto. Handanovic è un grande portiere.

Bisogna continuare con Conte anche per le prossime stagioni? Io andrei avanti con lui, Conte sta dimostrando fino in fondo di lavorare bene, di essere un allenatore molto valido.

Pubblicità

Quale reparto bisognerebbe potenziare della formazione milanese? Prenderei un grande trequartista e un grande tornante, questi sono i due ruoli che ci vorrebbero per potenziare la formazione nerazzurra.

Se dovesse dare l’Oscar dell’anno al miglior giocatore nerazzurro a chi lo darebbe? Handanovic prima di tutto e poi Lukaku.

Lukaku ha fatto un grande gesto donando 100.000 milaeuro all’Ospedale San Raffaele, cosa pensa del suo gesto? Si dice che chi guadagna tanto queste cose può permettersele, intanto Lukaku ha fatto un grande gesto e non si può che apprezzare la sua generosità fino in fondo!

Ha detto che i calciatori italiani dovrebbero dare il 5% del loro ingaggio come donazione per il Coronavirus. Crede che sia sempre la scelta più giusta da prendere? Direi proprio di sì, perché farebbero una cosa molto bella, specialmente in questi tempi così difficili. Un esempio molto bello da parte loro…

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità