Isola di Montecristo, peschereccio si incaglia di prua/ Costa: “No sversamenti”

Isola di Montecristo, peschereccio contro scogli della riserva naturale. Quattro a bordo, diffidato l’armatore: le parole del ministro Costa.

Isola di Montecristo, peschereccio si incaglia
Isola di Montecristo, peschereccio si incaglia

Isola di Montecristo, incidente nella notte attorno alle ore 3.00: come riporta La Nazione, un motopeschereccio di Porto Santo Stefano si è incagliato di prua in prossimità di Cala Giunchitelli. Secondo una prima ricostruzione riportata da La Nazione, poco prima dello scontro il peschereccio era stato avvisato dalla capitaneria di porto di Portoferraio che stava entrando all’interno della fascia di mare interdetta alla navigazione. Il ministero dell’Ambiente spiega che la Guardia Costiera «ha autorizzato un motopeschereccio che si trovava in zona, ad entrare nell’area interdetta alla navigazione per prestare la prima assistenza all’equipaggio del motopeschereccio incagliato». Sul posto sono giunte le motovedette della Guardia Costiera, che hanno tratto in salvo i quattro membri dell’equipaggio: attivato prontamente il piano operativo locale antinquinamento, con il ministero dell’Ambiente che è intervenuto «inviando un mezzo della flotta nazionale antinquinamento, che ha posizionato delle panne assorbenti per circondare l’area interessata e contenere così eventuali sversamenti».

ISOLA DI MONTECRISTO, LE PAROLE DEL MINISTRO COSTA

Queste le parole del ministro dell’Ambiente Sergio Costa su quanto accaduto all’Isola di Montecristo: «Seguo costantemente l’evolversi della situazione. Al momento non sono segnalate fuoriuscite di sostanze inquinanti. La società armatrice è stata diffidata al recupero del mezzo e a porre in essere ogni azione utile per evitare l’inquinamento del mare. Attendo con ansia l’esito delle indagini che dovranno chiarire cosa ci facesse un peschereccio in un’area off limits non solo alla pesca ma anche ai bagnanti, nella quale è vietato il passaggio di qualsiasi mezzo navale». Attraverso una nota, il presidente del Parco Nazionale Giampiero Sammuri ha evidenziato: «È un episodio inquietante, sul quale andranno appurate le cause e stabilite le responsabilità. E’ evidente la necessità di rinforzare ulteriormente le attività di presidio e di vigilanza con il contributo di tutte le forze dell’ordine».



© RIPRODUZIONE RISERVATA