Italia Austria/ Azzurri non si inginocchieranno per Black Lives Matter (Euro 2020)

- Mauro Mantegazza

Italia Austria, gli azzurri non si inginocchieranno per Black Lives Matter all’inizio della partita per gli ottavi di finale degli Europei 2021 a Wembley.

Italia ginocchio Black Lives Matter
Gli azzurri in parte inginocchiati prima di Italia Galles

Gli azzurri non si inginocchieranno in campo in segno di solidarietà con il movimento Black Lives Matter in occasione di Italia Austria, la partita degli ottavi di finale in programma domani a Wembley per gli Europei 2020. Lo spiega il Corriere della Sera, sottolineando come alla Uefa non siano arrivate richieste in tal senso né dagli azzurri né dagli austriaci, dunque non vi sarà alcun segno prima della partita. Quella che è stata considerata una figuraccia nella partita di domenica scorsa contro il Galles allo stadio Olimpico di Roma per la terza giornata della fase a gironi, quando mezza squadra azzurra rimase in piedi mentre l’altra metà si inginocchiava, sarà una scena che non dovrà ripetersi domani sera in occasione di Italia Austria. Tutti gli azzurri dovranno comportarsi allo stesso modo, su questo i giocatori sono già d’accordo. Stanno ancora discutendo su quale sarà la posizione definitiva da adottare per le successive partite, sperando naturalmente che ci possano essere altri impegni azzurri in questi Europei 2020.

ITALIA AUSTRIA: AZZURRI NON SI INGINOCCHIERANNO PER BLACK LIVES MATTER

Per Italia Austria di domani sera a Wembley tuttavia gli azzurri resteranno in piedi, come d’altronde faranno anche gli austriaci. Nessuna richiesta, secondo quanto scrive il Corriere della Sera, è stata fatta all’Uefa e non c’è più tempo per cambiare. Secondo il quotidiano, a questo punto risulta “difficile immaginare che l’Italia possa cambiare atteggiamento andando avanti nel torneo”. In effetti, va detto che il gesto sembra avere perso la sua efficiacia: ormai la curiosità di tutti è scoprire chi si inginocchia e chi invece resta in piedi, senza badare molto alle motivazioni che vi stanno dietro (o almeno, vi stavano dietro in origine). In un senso oppure nell’altro, imporre a tutti di inginocchiarsi oppure di stare in piedi fa perdere di significato il gesto. Carlo Ancelotti, di nuovo allenatore del Real Madrid, intervistato da Il Giornale, ha indicato quella che dovrebbe essere la vera tematica da affrontare, ben più importante di un gesto simbolico: “Non è fondamentale inginocchiarsi per qualche secondo. Non si risolve la questione. Il tema vero è: educare le nuove generazioni alla questione del razzismo che è ancora presente nelle nostre società”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA