J-AX VS SALVINI “RAI2 MI HA ESCLUSO”/ “Fan Ministro non mi seguono più? Meglio”

- Stella Dibenedetto

J-Ax “da quando critico Salvini lavoro meno. Rai 2 mi ha escluso”. Il ministro replica su Instagram “questa mi mancava”: il rapper precisa sulla polemica post-intervista al Corriere

J Ax min
J-Ax - Foto Instagram

L’intervista al Corriere dall’America, lo scontro social con Salvini e molti fan che “abbandonano” J-Ax per le sue idee politiche: tutto questo e molto altro sono stati temi delle innumerevoli Instagram Stories postate dal rapper nelle scorse ore in cui di fatto “precisa” tutta la polemica di questi ultimi giorni lanciando nuove accuse contro alcuni canali televisivi, in particolare Rai2. «Io avrei detto che non lavoro più perché ho attaccato Salvini? Ma che palle! io ho fatto un’intervista col Corriere in cui mi hanno chiesto se esporsi politicamente incide o meno sul lavoro. Io ho risposto che molte volte da una certa parte ti arrivano meno offerte di lavoro». Per l’ex Articolo 31 se c’è un canale di Stato «come Rai2 che viene lottizzato da politica e governo, è ovvio che se tu prendi posizioni contrarie alla forza politica che comanda quel canale, da lì hai meno offerte. Ma siamo in Italia e quando non ti arrivano da una parte le offerte, ti arrivano dall’altra». Attacchi duri contro i suoi fan, definiti come «cretini» in quanto seguaci del “Capitano” Salvini: «quando io dico qualcosa mi contestano “pensa a cantare”. Lo dico per visibilità? Ma perché avrei bisogno di questa visibilità? In realtà ci smeno io con i fan di Salvini che non mi seguono più». Secondo J-Ax Salvini vuole sviare quanto gli sta accadendo in questo momento politico (il Russiagate, ndr) e quindi «non ha niente di meglio che twittare su J-Ax. i giornali di destra fanno apposta a travisare quello che ho detto al Corriere, lui twitta quei giornali che travisano le mie parole al Corriere. Nei sogni erotici di quei giornali di destra ci sarebbe che “io non lavoro perché mi espongo contro Salvini». Perdere dei fan per J-Ax non è un problema, anzi: «perdere qualche fan per me è un onore, come ha detto Fiorella Mannoia “il vostro odio sono medaglie”, avere gente che la pensa in una certa maniera tra i miei fan è solo un dispiacere per me. Non mi seguite più? Meglio, andate fuori dai c….». (agg. di Niccolò Magnani)

“LAVORO DI MENO DA QUANDO MI ESPONGO”

J-Ax contro Matteo Salvini. In un’intervista rilasciata ai microfoni del Corriere della Sera, il cantante si scaglia contro il Ministro dell’Interno con cui ha avuto numerosi battibecchi su Twitter. Schietto e sincero come sempre, J-Ax ha spiegato che, inevitabilmente, le discussioni social che ha avuto con Salvini gli hanno tolto alcune opportunità lavorative. “Poi ci sono i miei litigi con il ministro dell’Interno su Twitter. Non ho mai subito una censura dichiarata, ma è chiaro che se ti esponi da una certa area le offerte di lavoro diminuiscono”, sono le parole rilasciate da J-Ax a Corriere che non sono passate inosservate e a cui Salvini ha deciso di replicare sempre attraverso i social. Su Instagram, infatti, il rapper ha pubblicato la foto di un articolo con l’intervista del cantante scrivendo: “questa mi mancava”.

J-AX CONTRO SALVINI: LA REPLICA DEL MINISTRO

Le parole di J-Ax e la replica di Salvini hanno spaccato il popolo del web. Sotto il post pubblicato dal Ministro dell’Interno, infatti, gli utenti si sono schierati contro il cantante che, a detta di qualcuno, starebbe pagando la sua voglia di fare politica. Se invece di fare politica facesse il suo lavoro…, scrive qualcuno. Ma non finisce qui. “Dategli il reddito di cittadinanza”, “E allora canta e basta… Hai scelto quello di mestiere!”, “Sì ritiene un cantante? ??? Continuasse a farlo. Ognuno ha il proprio compito. Oggi fa caldissimo Salvini è colpa tua”, ironizzano i followers del Ministro a cui il cantante non ha ancora risposto. Lo farà nelle prossime ore sempre sui social?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Questa mi mancava🤣 #colpadiSalvini

Un post condiviso da Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA