James Pallotta, “Resto alla Roma”/ “C’è gente che cerca di farmi andare via e…”

- Matteo Fantozzi

James Pallotta “Resto alla Roma”, il Presidente americano si sfoga e lancia un messaggio contro chi per lui sta cercando di mettergli i bastoni tra le ruote.

Pallotta Roma
James Pallotta, presidente della Roma (La Presse)

James Pallotta non è uno che le manda a dire, lo dimostra una lunga lettera scritta ai tifosi della Roma per rispondere alla recente Inchiesta di Repubblica. Il Presidente americano dei capitolini ha specificato: “Non scapperà dalla Roma, resterò qui. C’è gente che cerca di manipolare i tifosi contro di me”. Specifica: “Sono rimasto in silenzio nelle ultime settimane, ma ci sono alcune cose che sento si debbano affrontare”. Gli ultimi diciotto mesi vengono riassunti da ammissioni di errori, di cui uno molto grave a livello sportivo. Addirittura Pallotta arriva a parlare di “errore più grande della mia carriera”. Se ne assume però le piene responsabilità e continua a specificare che ci metterà la faccia per risolvere tutto quello che non è andato. Un percorso che già dal prossimo anno dovrebbe portare a voltare pagina e a raggiungere nuovamente i risultati che merita questa piazza.

James Pallotta, “Resto alla Roma”: “Cerchiamo gente di talento”

James Pallotta parla anche di calciomercato nella lunga lettera scritta ai tifosi della Roma, ribadendo: “Stiamo lavorando per acquistare persone di talento, che ci possano aiutare a riportare la Roma dove deve stare e cioè a giocare i più grandi palcoscenici e a competere per i trofei che possano rendere orgogliosi i nostri tifosi”. La mancata qualificazione alla Champions League del prossimo anno è una macchia difficile da cancellare che ha gettato nello sconforto una piazza che negli ultimi anni era quantomeno abituata a vivere notti da protagonista. Ma il presidente promette: “Sono venuto qui per vincere trofei, allestire una squadra e creare un’atmosfera che possa rendere orgogliosi i tifosi della Roma ovunque questi siano“. Riuscirà a farsi perdonare?



© RIPRODUZIONE RISERVATA