James Rodriguez al Napoli, polemica sulla 10/ Di Marzio: “Maradona non si tocca”

- Matteo Fantozzi

James Rodriguez al Napoli, polemica sulla 10: il calciatore colombiano è pronto a vestire l’azzurro, ma in molti non vorrebbero assegnargli la maglia che fu di Diego Maradona.

Tesillo James Colombia gol lapresse 2019
Calciomercato Napoli news, James Rodriguez (Foto LaPresse)

Non è nemmeno arrivato al Napoli James Rodriguez e già è scoppiata una polemica legata alla possibile richiesta della maglia numero 10. Ne ha parlato Gianni Di Marzio ai microfoni di TMW Radio durante la trasmissione Maracanà. Il noto ex allenatore ha specificato: “Diego Armando Maradona è una divinità del calcio ed è al di sopra di tutti. La sua maglia numero 10 al Napoli deve rimanere nel museo e non va toccata. James Rodriguez è ancora giovane e se avrà l’ok direttamente da Diego allora un giorno potrà metterla”. Di Marzio poi ha confermato anche alcune mosse di calciomercato della squadra azzurra: “Arriveranno James Rodriguez e Kostas Manolas. Carlo Ancelotti avrebbe dato anche l’ok per Lozano. Potrebbe essere sacrificato Lorenzo Insigne, ma sarebbe una plusvalenza importante. Per arrivare ai livelli di Inter e Juventus si devono prendere giocatori di ottimo livello e vendere Diawara, Rog, Hysaj e Grassi“.

James Rodriguez al Napoli, polemica sulla 10: i tifosi si dividono

James Rodriguez al Napoli sta scatenando anche i tifosi sulla possibilità di vedere sulle sue spalle la maglia numero 10. Quelli un po’ più grandi non vorrebbero veder interrotta la tradizione di lasciare quella maglia libera in rispetto di Diego Armando Maradona che ha fatto la storia di questo club portandolo a vincere due Scudetti e una Coppa Uefa. C’è invece chi vorrebbe finalmente avere un nuovo numero dieci, soprattutto tra i più giovani che sanno benissimo chi era il Pibe de Oro ma non l’hanno vissuto e non vedono questa possibilità come un atto di lesa maestà. C’è poi chi lo ha vissuto, ma crede anche che si debba tornare a sognare con un numero dieci sulla trequarti senza voler scomodare nessun paragone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA