Jeremy Renner, accuse shock dall’ex moglie/ “Ha morso nostra figlia di 6 anni!”

- Anna Montesano

Jeremy Renner, nuove gravi accuse dall’ex moglie Sonni Pachenco: “Ha morso nostra figlia di soli 8 anni”, ma l’attore si difende “tutto falso”

jeremy renner
Jeremy Renner al Jimmy Kimmel Live
Pubblicità

La battaglia legale che ha come protagonisti Sonni Pacheco e l’ex marito Jeremy Renner non si arresta. Sono anni che i due infatti si scontrano a suon di avvocati ma oggi, alle accuse degli ultimi mesi, se ne aggiungono di nuove e ancora una volta gravissime. Dopo aver accusato l’attore della Marvel di aver tentato di ucciderla, puntandole una pistola alla bocca, la Pacheco ha incolpato Renner di aver addirittura morso la loro figlia Ava di soli 6 anni. A riportare i dettagli è il sito Page Six, secondo cui ad aprile 2017 Sonni Pacheco avrebbe notato sul braccio di sua figlia un livido. Solo alla fine di insistenti domanda, la bambina avrebbe svelato a sua madre che a provocarle quel livido sarebbe stato suo padre. Il tutto sarebbe infine documentato nei documenti depositati presso il tribunale di Los Angeles.

Pubblicità

Jeremy Renner, nuove accuse shock dall’ex moglie Sonni Pachenco

Nella deposizione della figlia di Jeremy Renner si legge infatti l’ammissione di cui parla la Pachenco: “Papà mi ha morso. Ma è tutto ok mamma. È stato un incidente, gli ho detto di non farlo più”. La bimba ha poi proseguito dichiarando che il morso sarebbe avvenuto quando Renner “era diventato cattivo e urlava”. Ma non è tutto perché tra le carte ci sarebbero anche delle email che l’ex coppia si è scambiata all’epoca del fatto. “Quando le ho messo la pomata sulla ferita, Ava mi ha detto che l’hai morsa”, si legge nella email, alla quale Renner risponde: “Ah. No. Abbiamo fatto il gioco del morsetto, che si chiama Ava burrito. Non è un vero morso!”. L’avvocato dell’attore avrebbe però smentito tutto, dichiarando che l’accusa sarebbe “categoricamente falsa, un’altra montatura architettata dalla Pacheco e dal suo avvocato”. Cosa avvalorata dal fatto che, dopo un simile episodio, “la donna non ha chiesto la custodia della figlia o chiesto un ordine restrittivo contro il signor Renner fino ad oggi”. Una vicenda che, dunque, continua a complicarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità