Jerome Boateng indagato: lesioni ex Kasia Lenhardt/ “Lobo dell’orecchio strappato…”

- Silvana Palazzo

Jerome Boateng indagato per lesioni nell’ambito dell’inchiesta per morte ex fidanzata Kasia Lenhardt suicidata. L’autopsia evidenzia che il lobo di un orecchio è stato stato strappato

jerome boateng kasia lenhardt ig 640x300
Jerome Boateng e Kasia Lenhardt (Foto: Instagram)

Jerome Boateng indagato per lesioni. Il colpo di scena è arrivato nelle ultime ore: il difensore del Bayern Monaco e della Germania è finito sotto inchiesta per la morte dell’ex fidanzata Kasia Lenhardt. La modella era stata trovata morta nella sua casa a Berlino. Finora si era parlato di un suicidio, ma stando a quanto rivelato dal quotidiano tedesco Bild, l’autopsia avrebbe rivelato che un orecchio manca del lobo, quindi sarebbe stato strappato. Il procuratore capo di Monaco di Baviera, Anne Leiding, si è limitata a dire di aver riaperto il procedimento su Jerome Boateng, in quanto sono emerse nuove informazioni nell’ambito dell’inchiesta sulla morte della ragazza, «che potrebbero dare indicazioni su una possibile continuazione del procedimento». Ma ha anche precisato che l’indagine è ancora in corso.

Peraltro, nei giorni scorsi era emerso che Kasia Lenhardt aveva firmato un contratto con penali altissime se avesse parlato della sua vita con l’ex, come se ci fosse qualcosa da nascondere nel rapporto. Invece Cathy Hummels, moglie del difensore Mats, aveva raccontato invece che Kasia era stata a lungo nel mirino degli haters sul web.

JEROME BOATENG E LE INCHIESTE PER LESIONI

Per Jerome Boateng, fratello di Kevin Prince, si tratta quindi della prosecuzione di un’inchiesta del 2019, che si era conclusa l’anno scorso con l’archiviazione. Ora è stata riapertura a causa di alcune evidenze mediche a dir poco sconcertanti. Secondo la stampa tedesca, sarebbe accusato di aver ferito deliberatamente l’ex fidanzata Kasia Lenhardt poco prima della rottura pubblica tra i due. Ciò potrebbe aver influito sullo stato psicologico della modella, tanto da spingerla a morire suicida nella sua casa di Berlino nel giorno del sesto compleanno del figlio nato da una precedente relazione. Questa ovviamente è solo un’ipotesi. Sarà la magistratura tedesca a stabilire le eventuali responsabilità penali di Jerome Boateng. Già in passato, però, il difensore era stato accusato di aggressione nei confronti di una ex, Sherin Senler, madre delle sue due figlie, le gemelline Soley e Lamia. La donna lo denunciò, ma l’iter giudiziario è stato bloccato dalla pandemia Covid. C’è poi un altro mistero: Boateng ha avuto un terzo figlio da una donna il cui nome non è mai stato reso pubblico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA