Juventus ammessa in Champions League/ Ufficiale: ok UEFA anche a Real e Barcellona

- Alessandro Nidi

La Juventus è stata ammessa dall’UEFA in Champions League: dopo le tensioni legate alla SuperLega, Ceferin accoglie nella competizione i bianconeri con una lettera

Allegri festa Juventus lapresse 2021 640x300
Massimiliano Allegri (Foto LaPresse)

La Juventus esulta, al pari di Real Madrid e Barcellona: bianconeri, Blancos e blaugrana sono stati ufficialmente ammessi dall’UEFA alla prossima edizione della Champions League, nonostante i recenti veleni fra i tre club e i vertici federali, su tutti il presidente Ceferin, a seguito della vicenda SuperLega. Ricordiamo infatti che in primavera dodici squadre, 6 inglesi (Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham), 3 italiane (Inter, Juventus e Milan) e 3 spagnole (Atlético Madrid, Barcellona e Real Madrid) avevano deciso di dare vita a una nuova competizione che non fosse direttamente sotto l’egida dell’UEFA.

Poi, le compagini di Premier League erano uscite una dopo l’altra dal progetto, intimorite dalle minacce europee, seguite da Atlético Madrid, Inter e Milan. Tuttavia, Juventus, Barcellona e Real Madrid non si sono fatti intimorire dalla situazione e non hanno abbandonato la loro iniziativa, decretandone unicamente la sospensione e ingaggiando un duello a distanza, fatto di schermaglie verbali, con Ceferin. Alla fine, sono stati loro ad aggiudicarsi il primo round: lo scrive l’ANSA, che sottolinea come l’UEFA abbia spedito una lettera alla società torinese e, per conoscenza, alla FIGC, mediante la quale ha annunciato l’accoglimento dell’iscrizione juventina alla prossima edizione della Champions.

JUVENTUS IN CHAMPIONS LEAGUE: LETTERA DELL’UEFA

Che la possibilità di registrare regolarmente la partecipazione in Champions League – guadagnata sul campo – da parte di Juventus, Real Madrid e Barcellona fosse concreta lo si era già compreso sette giorni fa, mediante la decisione degli organi di giustizia di Nyon di sospendere temporaneamente il procedimento disciplinare contro i club. Sarà dunque estremamente felice Massimiliano Allegri, che sin dalla prima stagione dopo il suo ritorno avrà l’opportunità di disputare la competizione calcistica regina del Vecchio Continente e tentare di dare l’assalto a una Coppa decisamente sfuggente per Madama. Per l’UEFA, però, difficilmente il discorso si chiuderà qui: c’è attesa per il verdetto della Corte Europea di Giustizia a cui si è rivolto il tribunale di Madrid. Qualora non fosse accolto il ricorso, la palla tornerebbe a Ceferin e le cose potrebbero assumere una piega diversa…



© RIPRODUZIONE RISERVATA